GIOVEDÌ 10 MAGGIO 2018, 19:33, IN TERRIS

DELITTO DI PIETRANTONIO

Paduano, pena ridotta a 30 anni in appello

Il 28enne era stato condannato all'ergastolo in primo grado. La mamma di Sara: "Non si è davvero pentito. Ha pianto per se stesso"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Vincenzo Paduano e la sua ex fidanzata Sara Di Pietrantonio, che uccise il 28 maggio 2016
Vincenzo Paduano e la sua ex fidanzata Sara Di Pietrantonio, che uccise il 28 maggio 2016
P

ena ridotta in Appello per Vincenzo Paduano, il 28enne che il 28 maggio 2016, nel quartiere romano della Magliana, uccise e bruciò la sua ex fidanzata, Sara Di Pietrantonio, dopo averla bloccata di notte lungo la strada che la ragazza stava percorrendo per tornare a casa. L'uomo, dopo due ore di camera di consiglio, ha ascoltato la sentenza dei giudici i quali, a fronte di una condanna all'ergastolo comminata in primo grado, hanno disposto la riduzione a 30 anni di reclusione, dando così parere contrario a quanto richiesto dalla Procura, ovvero la conferma del massimo della pena. Su Paduano, pendevano le accuse di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione dai futili e abbietti motivi, dagli atti persecutori, e ancora stalking, incendio e occultamento di cadavere.


I pedinamenti

La difesa ha cercato di far cadere gli ultimi due capi d'accusa, quella dello stalking e la distruzione di cadavere, oltre a richiedere il non riconoscimento dell'aggravante della premeditazione in quanto, secondo il legale, l'acool contenuto nella bottiglia di Paduano non sarebbe servito a incendiare la macchina ma solo a danneggiarla, in quanto troppo poco. Sull'ex fidanzato di Sara gravano i dati rilevati dai gps, nei quali viene indicato che, nei sette giorni precedenti all'omicidio, ha insistentemente pedinato la ragazza e fatto appostamenti nei principali luoghi da lei frequentati, quali la sua casa, quella del suo nuovo fidanzato e quella di una sua amica. Il tutto unito a gravi e ripetute minacce.


"Non credo al suo pentimento"

Paduano ha partecipato a entrambe le udienze, affermando di sentirsi pentito per quanto commesso: "Non c'è giorno in cui mi chiedo come sia stato possibile. Mi vergogno profondamente di quello che ho fatto e Dio solo sa se vorrei essere perdonato da tutti. Come faccio a chiedere perdono se io stesso non mi perdono. Sarò sempre consapevole di essere l'unica causa di tanto dolore". Presenti in aula anche i parenti e le amiche di Sara che hanno mostrato scetticismo sul pentimento di cui ha parlato il 28enne, in particolare la mamma della giovane, Concetta Raccuia: "Non gli credo perché è un manipolatore, abituato a indossare tante maschere. Dopo due anni di prigione vuole apparire come il classico bravo ragazzo che chiede scusa. Ma io non intendo cadere nella trappola in cui è caduta mia figlia". E sulle lacrime, più volte mostrate in aula da Paduano: "Posso apparire cinica ma non credo che l'imputato si sia pentito per davvero: credo che per arrivare a un pentimento sincero dovrà essere aiutato molto ancora perchè da solo non può farcela... Paduano ha pianto per se stesso, direi...".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
UDIENZA PONTIFICIA

In preghiera per l'ecumenismo

Papa Francesco recita il Padre Nostro con i giovani sacerdoti e monaci delle Chiese ortodosse orientali
GIGANTI DELLA RETE

Web tax contro l'impunità fiscale

All’editoria mancano 3 miliardi. Da un convegno in Senato l'appello per portare la tassazione dei colossi di Internet...
GIORDANIA

Tragico incidente a Petra, muore turista italiano

La vittima, Alessandro Ghisoni, è stato ucciso dalla caduta accidentale di massi
Un migrante bengalese che vende selfie stick - Foto © Diego Cuopolo per IRIN
PALERMO

Violenza su bengalesi, arrestata banda di giovani

Aggressione con mazze da baseball. Ipotesi di raid punitivo a scopo razziale
SICUREZZA

Bonus seggiolini: via a contributo statale, ma il sito va in tilt

Il contributo statale dovrà essere speso entro un mese
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, 38enne ricoverato grave a Lodi. Contagiati altri due

A fini cautelativi è stato chiuso il Pronto Soccorso di Codogno. L'assessore Gallera: "Lieve miglioramento, ma in...
Plurilinguismo

La lingua madre e la sfida del plurilinguismo

Nella Giornata internazionale a tema, il punto sui percorsi di integrazione linguistica nella scuola. Bax: "La scuola...

Uno stipendio per la maternità

Sono molte le donne straniere che in seguito ad abusi e violenze rimangono incinte e, purtroppo molto spesso scelgono...

Quello che la politica non dice sulle banche

E'la globalizzazione, bellezza! Intesa San Paolo ha lanciato un'Opa definita amichevole – in...
BELPAESE

Istat: Italiani più soddisfatti al Nord

Aumenta la soddisfazione generale degli Italiani. Più contenti i giovanissimi
La nave Diamond Princess attraccata al porto di Yokohama - Foto © Kim Kyung-Hoon per Reuters
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, il rientro degli italiani slitta a domani

Negativi i primi test effettuati sulla nave. Migliorano le condizioni dei coniugi allo Spallanzani
GRAN BRETAGNA

Londra, muezzin accoltellato in una moschea: fermato l'aggressore

L'aggressione all'interno della moschea di Regent's Park
CATANIA

Caso Gregoretti: chiesta udienza preliminare per Salvini

L'atto è stato depositato dalla Procura di Catania alla presidenza del Gip
SFRUTTAMENTO LAVORATIVO

Approvato il primo piano nazionale contro il caporalato

Dieci le azioni prioritarie del piano, tra cui anche assistenza, protezione e reinserimento socio-lavorativo delle vittime
In primo piano, la cosiddetta
ITALIA

Scampia, inizia la demolizione della Vela: "Non siamo solo Gomorra"

Il plauso del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris: "Una nuova periferia è possibile"
UDIENZA PONTIFICIA

"Etica ecologica contro l'egolatria"

Papa Francesco traccia le prospettive dell'educazione cattolica nel terzo millennio globalizzato