Nuove intimidazioni ai giornalisti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:28

Spiacevole sorpresa per i giornalisti e cameraman della troupe di La7 che ha seguito la manifestazione a Ostia contro l'illegalità organizzata da Libera, Federazione nazionale stampa italiana (Fnsi) e Ordine dei Giornalisti. Come denuncia la giornalista Myrta Merlino su Twitter, autrice del programma di La7 “L'aria che tira”, hanno trovato i pneumatici dell'autovettura squarciati.

“Sono ad Ostia con Gianmaria Pica alla manifestazione organizzata da Libera, Fnsi e dall’Ordine dei Giornalisti. Ed ecco la sorpresa che abbiamo trovato tornando alla macchina della troupe…”, twitta Merlino postando una fotografia di una gomma squarciata.

L'appuntamento di oggi pomeriggio aveva l'obiettivo di non spegnere i riflettori su Ostia dopo la vicenda della testata di Roberto Spada all'inviato Rai Daniele Piervincenzi. “Siamo qui per esprimere vicinanza ai giornalisti aggrediti e per estendere il pensiero a tutte le vittime, anche a coloro che sono morti per mano delle mafie. Ma anche per far emergere le cose belle che ci sono a Ostia, contante associazioni e realtà che fanno un grande lavoro”. Lo ha detto il presidente di Libera don Luigi Ciotti in piazza Anco Marzio.

Nel corso della manifestazione è aleggiata anche la contrapposizione politica dei decenni passati. Giuseppe Giulietti, presidente della Fnsi, ha detto: “Mai con i mafiosi e mai con i fascisti si può dire in questa piazza, lo prevede la Costituzione. C'è chi sta con la Costituzione e chi fa strage dei suoi valori”.

Circa sessanta le organizzazioni che hanno presidiato oggi a Ostia. In piazza anche il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e la sindaca di Roma Virginia Raggi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.