SABATO 23 MARZO 2019, 11:12, IN TERRIS


TOR DI VALLE

Stadio, Montuori: "Nessuna pressione da De Vito"

L'assessore all'Urbanistica di Roma difende il proprio operato

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il progetto del nuovo stadio di Tor di Valle
Il progetto del nuovo stadio di Tor di Valle
T

ornano i dubbi sulla realizzazione dell'impianto giallorosso. L'assessore all'Urbanistica di Roma, Luca Montuori, durante un'intervista al Fatto Quotidiano, ha negato fermamente di aver subito pressioni da Marcello De Vito - l'ex concorrente della raggi alle primarie romane - ribadendo la correttezza del suo operato. "Certo che ho parlato con De Vito degli ex Mercati generali, in qualità di presidente dell'Assemblea capitolina", ha affermato Montuori a proposito di uno dei progetti che hanno portato all'arresto dell'esponente M5s.


I fatti

"Mi ha chiesto, come altri esponenti sia di maggioranza che di opposizione, aggiornamenti rispetto al progetto e io l'ho informato dei lavori e degli approfondimenti che stavamo facendo con gli uffici e il supporto della Avvocatura capitolina". "A chiedere di incontrare l'imprenditore Davide Zanchi, interessato agli ex Mercati generali, mi pare che fu De Vito", ha aggiunto Montuori, "mi sembrò una cosa normalissima". "Zanchi venne con il presidente della società che gestirà il complesso dei Mercati Generali", ha aggiunto sempre sul Fatto, "l'incontro si svolse in assessorato, in via Petroselli, previo appuntamento. E' mia consuetudine ricevere i soggetti che stanno portando investimenti nel nostro territorio per poter prendere le decisioni che mi competono", ha concluso l'assessore.

La nuova indagine che ha portato in carcere De Vito è comunque solo lontanamente legata allo stadio la cui costruzione sta seguendo un iter distinto dalle indagini su De Vito. Secondo Pallotta e Baldissoni, dovrebbero essersi tutti i presupposti per andare avanti con lo stadio di Tor di Valle. Lo stesso Montuori garantisce la regolarità dell’iter del progetto: "L’approvazione era avvenuta con la delibera della Giunta Marino del 13 marzo del 2015. La Conferenza dei Servizi ha approvato nell’aprile 2016. A maggio 2016, il Responsabile del Procedimento ha effettuato la verifica della documentazione. A giugno 2016 c’era già lo schema di deliberazione. Vorrei sottolineare che c’è una continuità da Marino a Tronca a me passando per Berdini".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore
Il luogo dell'incidente sul lavoro
TAINO | VARESE

Precipita in fabbrica: morto figlio del titolare

Inail: nel 2019 + 3,5% di morti bianche rispetto allo stesso periodo dello scorso anno
Offerte di lavoro

Aiuti al Sud

Andranno in vigore dal primo maggio esoneri contributivi per le aziende che assumono a tempo indeterminato i...
Una scarpa abbandonata, una delle immagini simbolo del massacro
STRAGE DI PASQUA

Sri Lanka, chi sono le vittime del massacro

Britannici, statunitensi, indiani, cingalesi: 290 vite spezzate dalla follia del terrorismo