MARTEDÌ 16 AGOSTO 2016, 12:05, IN TERRIS

MARINO CONTRO I 5 STELLE: "DALLA RAGGI MI ASPETTAVO DI PIU'"

Per l'ex primo cittadino della Capitale a Roma stanno tornando certi "salotti e poteri forti"

AUTORE OSPITE
MARINO CONTRO I 5 STELLE:
MARINO CONTRO I 5 STELLE: "DALLA RAGGI MI ASPETTAVO DI PIU'"
Dopo un periodo di assenza dalla scena politica romana, l'ex sindaco della Città Eterna torna a far sentire la sua voce. In un'intervista rilasciata al quotidiano La Repubblica, Ignazio Marino si è detto deluso da come è iniziato il mandato della nuova sindaca, Virginia Raggi. L'ex primo cittadino della Capitale ha anche colto l'occasione per criticare l'operato dei pentastellati in generale.

"Finora ho sentito solo parlare male del passato. Mi auguro abbiano un piano da rivelare nelle prossime ore". Marino si è detto "molto stupito da questo avvio di sindacatura: molte affermazioni fatte in campagna elettorale sono smentite da comportamenti che, se è vero quanto raccontano i giornali, sono dettati da un sistema correntizio. Lo stesso che io rifiutai e per il quale divenni inviso ai partiti".

"Io scelsi di circondarmi di persone sulla base di formazione professionale, obiettivi da raggiungere e discontinuità col passato. Sono rimasto colpito dal fatto che, tra le prime indicazioni dell'assessora Muraro, ci sia stata quella di riaprire l'impianto di Rocca Cencia, di proprietà di un privato, che fruttava 175 mila euro al giorno alla stessa persona", sottolinea Marino. "Questa la chiamo un'esemplare continuità con i 50 anni trascorsi tra il 1963 e il 2013, quando il sistema dei rifiuti di Roma era organizzato intorno all'idea di una grande buca che ha favorito il privato rispetto al pubblico".

"A Roma stanno tornando quei salotti e quei poteri forti che in questo momento paiono felici di poter riprendere a gestire in maniera sterile il patrimonio pubblico", dichiara l'ex sindaco. "Ai Mercati generali, ad esempio, c'è un buco di ettari abbandonato, affidato dal Comune a un gruppo di imprenditori nel 2006. Non si vede una gru lavorare. Inoltre non vedo un impegno di sostanza sulle povertà". "Le piazze della capitale sono piene di venditori abusivi, dopo la mia amministrazione i tavolini si stanno allungando ben oltre i limiti consentiti", prosegue Marino. Lo stadio della Roma, su cui la giunta sembra intenzionata a frenare, "porterà solo nella fase di costruzione tra 5 e 10mila nuovi posti di lavoro e un finanziamento straniero di 1.300 milioni di euro", Quanto alle Olimpiadi, "da portavoce dei cittadini, come si definiscono, i 5stelle dovrebbero presentare un piano sostenibile che come il nostro lasci una eredità utile a Roma e interrogare la città".
 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
GENOVA

Disabile muore carbonizzato in un istituto

La vittima un 49enne con problemi psichiatrici. A provocare la tragedia potrebbe essere stata una sigaretta
La frontiera fra Italia e Austria
MIGRANTI

Austria, ecco la task-force al Brennero

Seicento agenti per monitorare la frontiera ma la situazione, al momento, è tranquilla
Andres Escobar
LA SVOLTA

Omicidio Escobar, verso la giustizia 24 anni dopo

Arrestato il presunto mandante dell'omicidio del calciatore colombiano, "colpevole" di un autogol
L'attacco dell'11 settembre 2001
11 SETTEMBRE

Riad nega il sostegno ad Al Qaeda

Chiesto a un giudice Usa di porre fine ai processi su un presunto coinvolgimento negli attacchi
Papa Francesco a Puerto Maldonado Photo © Vatican Media
PAPA IN PERÙ

"L’oro è un falso dio che pretende sacrifici umani"

Testo integrale dell'incontro con la popolazione di Puerto Maldonado
donazione sangue
EMERGENZA SANGUE

L'influenza costringe a letto molti donatori

Diversi interventi non urgenti rimandati in tutta Italia