La Lega scende in piazza per Salvini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:17

E' andato in scena nella mattinata di oggi un flash mob organizzato dalla Lega a supporto di Matteo Salvini. Piazza san Silvestro, ieri teatro di un sit in del Pd che ha fatto il giro dei social per la poca affluenza, ha ospitato le bandiere e gli striscioni portati dai primi militanti romani del Carroccio. La manifestazione di oggi è stata anche l'occasione per celebrare con la base l'ingresso di Maurizio Politi, primo consigliere leghista in Campidoglio e di due esponenti politici locali di peso come Federico Iadicicco e Fabrizio Santori.

Le motivazioni del flash mob

E' Laura Corrotti, consigliere regionale alla Pisana ed una delle organizzatrici dell'evento, a spiegare: “la giornata di oggi serve anche a far vedere che Matteo Salvini è seguito ed amato a Roma.” Per l'esponente del Carroccio laziale, lo sbarco in Campidoglio con l'arrivo di Politi è soltanto l'inizio: “le ultime elezioni hanno dimostrato come a Roma e nel sud non ci sia più alcun pregiudizio su Matteo Salvini. Noi speriamo che il prossimo sindaco di Roma possa essere leghista”.

I partecipanti

Il flash mob di oggi ha visto scendere in piazza, sotto un caldo asfissiante, diversi senatori come Manuel Vescovi, Simone Pillon e Toni Iwobi accanto ai nomi di peso del partito nel Lazio: dal sottosegretario al lavoro, Claudio Durigon al coordinatore regionale, Francesco Zicchieri. Particolarmente felice per i nuovi ingressi romani si è dimostrato il senatore Simone Pillon, avvocato esperto nel diritto di famiglia, che ha condiviso con la new entry Federico Iadicicco l'esperienza del Family Day. “Sono contentissimo per Federico Iadicicco – ha detto il parlamentare – con lui abbiamo una grande amicizia.” Ha spiegato Pillon: “Il fatto che Federico e il suo gruppo abbiano compreso che la Lega è l'unico partito a a tenere alta la bandiera dei principi valoriali, con speciale riferimento alla famiglia tradizionale, penso sia un grande risultato, in particolar modo in una città difficile per la Lega come è la Capitale. E' importante che a Roma siano persone affidabili come lui, di irreprensibile moralità e condotta personale, a sposare il nostro progetto politico e non chi vuole 'salire a bordo' per interesse personale.” Sulle motivazioni della manifestazione odierna, Simone Pillon ha detto : “Scendiamo in piazza per rispondere agli attacchi personali di cui è fatto oggetto continuativamente Matteo Salvini, persino utilizzando le Sacre Scritture per additarlo come 'nuovo Satana'.”

Pillon: 'Salvini dice la verità sull'immigrazione'

“Matteo Salvini – ha dichiarato il senatore leghista – sta semplicemente dicendo la verità sul fenomeno migratorio, una deportazione di massa che utilizza lo strumento economico per convincere persone del Centro Africa a venire a lavorare in Italia per due euro l'ora ed ingrassare così tutto un sistema. Ma principale obiettivo di questa deportazione di massa – ha concluso Pillon – è quello di costruire una società nuova in cui non ci siano diritti comunitari, ma solo individui abbandonati a se stessi. Questo fenomeno è una delle architravi, insieme alla decostruzione della famiglia naturale, per arrivare all'instaurazione di questa nuova società”.  

Presente anche un'attrice

Tra i fedelissimi che hanno deciso di sfidare il caldo agostano per manifestare la loro solidarietà al ministro dell'Interno spunta anche il volto noto di Gegia, attrice e comica diventata famosa negli anni '80. L'artista pugliese ha confessato di essere una fan della prima ora del leader leghista tanto da candidarsi tre anni fa a Gallipoli con 'Noi con Salvini', l'appendice meridionale del partito oggi al governo. “Nel mondo dello spettacolo mi hanno attaccato – ha detto la comica – per questa mia adesione, ma io ne vado orgogliosa. Sono cattolica e sto con Salvini, quindi non mi sento affatto rappresentata dalla copertina di 'Famiglia Cristiana' che lo addita come 'Satana'”. 

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.