Iniziati i lavori per la ciclabile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:57

Parte il restyling di via Tuscolana al VII Municipio. Lo ha annunciato su Facebook la sindaca Virginia Raggi, sottolineando di aver mantenuto la promessa di far iniziare a fine luglio i lavori “per la realizzazione della ciclabile: un tracciato di circa 2,2 chilometri, da Porta Furba fino a Cinecittà“.

Annuncio

Si tratta, ha spiegato, di “un nuovo collegamento che andrà ad ampliare la mappa delle piste ciclabili di Roma e ricucirà parti strategiche di quest’arteria commerciale. L’intervento, inoltre, garantirà la riqualificazione di un’intera area, operazione già iniziata, nei mesi scorsi, con la delocalizzazione delle bancarelle. Ricordo che i lavori prevedono anche il rifacimento e la messa in sicurezza di tutte le fermate dedicate al trasporto pubblico lungo i 2,2 km del percorso. La ciclabile, infatti, riorganizzerà l’intero asse viario, tutelando gli spazi pubblici e valorizzando gli interventi dedicati alla mobilità sostenibile. Un altro cantiere aperto, un’operazione in più per migliorare la nostra città”.

“Opera simbolo”

Il bando prevede che i lavori dureranno circa “239 giorni naturali e consecutivi“. Se la road map sarà rispettata la pista dovrebbe essere completata entro la prossima primavera e consentirà, da un lato, di raggiungere il Grande raccordo anulare ciclabile e, dall'altra, viale  Marco Fulvio Nobiliore, a Don Bosco, dov'è presente un'altra pista. Per calmare le proteste, nei giorni scorsi Raggi ha incontrato commercianti e residenti. Per il presidente della Commissione mobilità, Enrico Stefàno, si tratta di una “opera fondamentale” dotata di “alto valore simbolico” perché rende evidente come sia possibile “realizzare un'infrastruttura ciclabile in una strada ad oggi votata alle auto”. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.