Inaugurato il “Giardino della Giustizia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:09

Virginia Raggi ha inagurato il “Giardino della giustizia“, un'area verde per ricordare i magistrati uccisi dalla criminalità. Il parco sorge alla Romanina, zona difficile, “già citata dalle cronache per episodi di violenza e abusi” ha ricordato la sindaca su Facebook.

Il ricordo

“Roma non arretra davanti alla criminalità – ha scritto -. Quello che abbiamo inaugurato oggi è un parco intitolato a 27 magistrati uccisi dalla malavita con 27 querce piantate in loro memoria.Insieme alle autorità giudiziarie non abbassiamo lo sguardo. E oggi vogliamo ribadire che è forte la presenza delle istituzioni in difesa della legalità”.

Inaugurazione

L'inaugurazione è avvenuta alla presenza dell’assessora alla Sostenibilità Ambientale di Roma Capitale Pinuccia Montanari, del presidente della Commissione capitolina all’Ambiente Daniele Diaco e di Monica Lozzi, presidente del VII Municipio.

Legalità

Il Giardino della Giustizia apre al pubblico a poche ore dal terzo sgombero di case occupate illegalmente da membri del clan Spada a Ostia. Il primo è scattato lo scorso 4 ottobre in via Ingrao, nell'area di piazza Gasparri. Quella mattina fu liberato un alloggio illegittimamente occupato da Vincenzo Spada e durante le operazioni alcune donne insultarono e minacciarono la giornalista di Repubblica Federica Angeli, che vive sotto scorta dal 2013. L'altro intervento, qualche giorno più tardi, è stato in via Forni in una casa occupata abusivamente da Silvano Spada. “Senza sosta, contro soprusi e illegalità. Nessuna paura né indecisioni – ha scritto su Facebook l'assessora al Patrimonio, Rosalba Castiglione – È la terza vittoria contro le occupazioni abusive del clan che assicuriamo in un mese. Il lavoro per restituire quel fondamentale patrimonio che sono le case popolari ai legittimi assegnatari va avanti con regolarità e coraggio. Stiamo difendendo finalmente gli interessi della collettività, per troppi anni lasciati inascoltati“. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.