Il Campidoglio adotta Spid. L’assessora Marzano: “Una registrazione per più di 60 servizi online”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:30

Assieme al caos amministrativo che sta investendo la giunta Raggi, dal Campidoglio arriva anche qualche dato positivo. Nello specifico, la buona notizia proviene dall’informatica, o meglio, dalla piattaforma web ufficiale del Comune di Roma, da oggi accessibile con il Sistema pubblico di identità digitale (Spid). Un fattore che, stando a quanto dichiarato dall’assessora a Roma semplice, Flavia Marzano, dovrebbe semplificare di molto il contatto tra istituzione e cittadino: “Grazie a tale sistema – ha spiegato -, le oltre 700 mila persone in Italia già in possesso di un’identità digitale Spid, potranno accedere a oltre 60 servizi online di Roma Capitale, senza bisogno di ulteriori registrazioni”.

In sostanza, grazie a un’unica operazione di inserimento dati, sarà possibile usufruire di gran parte dei servizi telematici previsti dall’amministrazione: “In questo modo – si legge in una nota apparsa sul sito ufficiale -, Roma Capitale dà concreto seguito alla delibera della Giunta Capitolina dell’11 novembre 2016 e alla sottoscrizione della convenzione con Agid, l’Agenzia per l’Italia Digitale”. Tra i servizi previsti, quelli anagrafici, tributari ed elettorali.

L’accessibilità online era stata inserita tra le prerogative della neo-insediata giunta Raggi, in nome di un rapporto maggiormente diretto con la cittadinanza e del rispetto della promessa trasparenza. L’applicazione del Sistema d’identità digitale si attaglia a questa linea, garantendo una certa facilità di interazione nel rispetto della normativa vigente in proposito, prevista dal decreto sul codice dell’amministrazione digitale attuativo dell’art. 1 della legge-delega di riforma della pubblica amministrazione, approvato in via definitiva dal Consiglio dei ministri il 10 agosto 2016. Come annunciato ancora dall’assessora Marzano, “Roma non solo è la prima grande città ad adeguarsi all’obbligo normativo ma lo fa con un anno di anticipo rispetto alla scadenza del 31 dicembre 2017. L’impegno di questa Amministrazione e del mio assessorato è quello di mettere al centro il cittadino e le sue esigenze massimizzando le opportunità offerte dal digitale”.

In caso di riscontro di eventuali difficoltà di registrazione dell’identità digitale o nell’utilizzo del servizio, gli utenti potranno usufruire dei Punti “Roma facile”, istituiti lo scorso 30 novembre proprio con l’obiettivo di ” fornire strumenti digitali ai cittadini”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.