I “100 Presepi”, tra arte antica e moderna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00

Una vera e propria ricorrenza, ormai, quella dei “100 Presepi” di Roma. Una mostra che, nel pieno Centro storico della Capitale, riesce a coniugare la magica atmosfera che accompagna ogni rappresentazione della natività e il fascino delle diverse tradizioni che le contraddistinguono. Nonostante il titolo dell'esposizione parli di 100 opere in realtà sono 150, provenienti da tutte le Regioni italiane e da circa 40 Paesi esteri: un modo per dire come la festività del Natale non riguardi esclusivamente il nostro Paese ma rappresenti davvero un momento di unità e di fratellanza fra tutti i popoli. Fino al prossimo 7 gennaio, presso la Sala del Bramante della basilica di Santa Maria de Popolo (aperta tutti i giorni, anche festivi, dalle 10.00 alle ore 20.00), la 42esima Esposizione internazionale consentirà al pubblico di immergersi totalmente nell'atmosfera natalizia e, al contempo, di vivere letteralmente cento esperienze diverse, come diversi sono i presepi.

Molti stili, un'unica tradizione

E' ogni anno sorprendente notare come la scena della Natività possa essere soggetta a tali multiformi interpretazioni, ognuna delle quali convogliata verso la raffigurazione di un episodio che resta unico. E' affascinante vedere come, di città in città o di Paese in Paese, possano variare stili e materiali senza perdere la devozione che accompagna ogni anno la fabbricazione del presepe. Una tradizione prettamente italiana ma, a quanto pare, apprezzata in tutto il mondo tanto che, ai “100 Prespi”, le partecipazioni straniere si fanno sempre più numerose. Quella avviata quest'anno sarà l'edizione numero 42 della mostra: un numero importante che, ancor di più, fa capire quanto e come tale tradizione sia radicata nel sentimento comune richiamando a sé persone da ogni parte del mondo.

Insomma anche quest'anno, tra capanne e baracche, case in pietra e migliaia di personaggi a fare da scenografia, la magia del presepe sarà a disposizione di cittadini e turisti. Un momento mai troppo utile, per ricordare non solo l'importanza del Natale e di ciò che tali opere rappresentano ma anche quanto una tradizione sia fondamentale per costruire l'identità di un popolo. Il quale, puntualmente, si raduna ogni anno per prendervi parte, in un meraviglioso periodo di comunione fra fede e costume.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.