MERCOLEDÌ 31 LUGLIO 2019, 18:08, IN TERRIS

DISAGIO CAPITALE

Favorivano l'immigrazione clandestina: dieci arrestati

L'operazione, coordinata dalle Fiamme Gialle, ha coinvolto tredici persone

LORENZO CIPOLLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
S

ono dieci gli arresti e tre gli obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina a Roma, eseguiti oggi dalla Guardia di Finanza su richiesta della procura della Repubblica, che coinvolgono alcuni dipendenti dell'Anagrafe capitolina. Le misure di custodia cautelare riguardano in tutto 13 persone, tra cui quattro in carcere, sei ai domiciliari e tre obblighi di presentazione. L’operazione è il risultato di un’indagine del Nucleo speciale Polizia valutaria delle Fiamme gialle che ha individuato un gruppo i cui componenti, nove persone originarie del Bangladesh, tre dipendenti pubblici della Capitale e altri due italiani, sono accusati a vario titolo di associazione a delinquere, corruzione, falso e favoreggiamento dell’immigrazione tramite la falsificazione di documenti, di certificati di residenza e di contratti d’affitto pagati in contanti o con ricariche di carte postepay.


La banda

Nell'organizzazione ognuno aveva il proprio compito. I bengalesi si occupavano di trovare, spesso tra i connazionali, chi avesse bisogno del rilascio o del rinnovo del permesso di soggiorno. Individuata la persona bisognosa, facendosi pagare tra gli 80 e gli 800 euro in base al tipo di operazione, s’incaricavano di sbrigare le pratiche amministrative rivolgendosi ai dipendenti comunali compiacenti, si presentavano agli appuntamenti agli uffici dei servizi demografici e ritiravano i certificati di residenza. Uno di loro, titolare di un’agenzia di assistenza fiscale, si occupava delle partite Iva e di rilasciare dichiarazioni fiscali fittizie.


Prenotazioni in bianco e falsi affitti

Le "tariffe" dei tre indagati del personale dell’Anagrafe capitolina coinvolto oscillavano invece tra i 50 e i 100 euro per emettere false dichiarazioni di residenza o prendere prenotazioni in bianco, da utilizzare in qualsiasi momento, anche in casi non urgenti. Uno dei tre dipendenti avrebbe continuato l’attività corruttiva anche dopo essere stato spostato ad un altro incarico, tenendosi in contatto tramite Whatsapp e con incontri nei bar. Nonostante l'età, in questa vicenda è implicata una persona novantenne insieme a un uomo di quasi mezza età, entrambi proprietari di immobili a Tor de’ Schiavi e Casal Monastero. Spettava a loro sottoscrivere contratti d’affitto o di comodato d’uso a persone che in realtà non sarebbero mai andate ad abitare in quelle case.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il giudice Paolo Adinolfi
DELITTO DELL'OSTIENSE

Giudice Adinolfi, il giallo della scomparsa

Il figlio Lorenzo: "Basta omertà, subito la riapertura delle indagini"
Filippo Magnini
NUOTO

Il Tas assolve Magnini: via la squalifica per doping

L'ex nuotatore, due volte campione del mondo, scagionato dalle accuse di tentato uso di sostanze dopanti
La nave da crociera Msc
CROCIERA MSC

Proteste a Cozumel per lo sbarco della nave Msc

L'ok del Messico dopo i "No" di Giamaica e isole Cayman per un caso di influenza a bordo
SUICIDIO ASSISTITO

Choc in Germania: per i giudici togliersi la vita è un diritto

La Corte Costituzionale ha deciso di annullare l'articolo 217 del Codice penale che vietava la possibilità alalle...
Edificio scolastico distrutto dalle bombe
SIRIA

Unicef: "Basta bombardare le scuole a Idlib"

Nell'attacco a 10 scuole sono stati uccisi 12 civili tra bambini e insegnanti
Incendio a Strasburgo
FRANCIA

Incendio in un edificio a Strasburgo: il bilancio

La polizia ha fermato due uomini per "verifiche" realtive al rogo
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, il paradosso degli agriturismi

Sono le strutture ricettive più sicure perché lontane dagli affollamenti, eppure le prenotazioni si sono dimezzate...
CORONAVIRUS

Oms: "Per la prima volta più contagi all'estero che in Cina"

Sono 427 contro i 411 cinesi. Primi contagi in Danimarca, Romania ed Estonia
TERREMOTO

Sisma magnitudo 3 nel Golfo di Salerno: la situazione

Tremano anche le Eolie e la Calabria: al momeno non risultano danni a persone o cose
PER USCIRE DALLA CRISI

La ripresa affidata alle start up innovative

In Italia sta funzionando la modalità di costituzione digitale e gratuita delle nuove imprese con pratiche rapide ed...
Etichetta alimenatre

"Spesso buono oltre": la data di scadenza contro lo spreco alimentare

Lidl introduce la nuova etichetta che accompagnerà "Da consumare preferibilmente entro"
Roseto degli Abruzzi
CORONAVIRUS

Primo caso positivo in Abruzzo: è un turista brianzolo

La conferma del contagio arriverà solo con gli esiti del secondo esame dello Spallanzani
Anziano in ospedale
GERMANIA

Chiesa cattolica ed evangelica contro gli aiuti al suicidio

La sentenza Corte costituzionale riapre la possibilità della pubblicità suicidale
Il luogo della sparatoria
WISCONSIN | USA

Sparatoria a Milwaukee, 6 morti tra cui l'aggressore

L'uomo ha ucciso 5 dipendenti e si è suicidato. Trump: "Assassino cattivo"
Bimbo in strada in Giappone
CORONAVIRUS

Cina, decessi minimi da gennaio: ieri 29 morti

In Corea del Sud quasi 1600 contagi. Il Giappone chiude le scuole
Il neonato ricoperto dal padre di banconote
CATANIA E SIRACUSA

Mafia: chiuse 3 piazze di spaccio, 6 arresti

I proventi dello spaccio servivano a mantenere in carcere esponenti del clan Cappello-Bonaccorsi