Falso allarme esplosioni: panico e disagi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:41

Mattina di panico sulla metro B, in una giornata già complicata dallo sciopero del trasporto pubblico locale. Circa 1.500 persone sono state evacuate dalla stazione Policlinico a causa di un falso allarme per esplosione, scattato quando il treno era fermo in galleria per un guasto. 

Paura

A scatenare la paura fra i passeggeri sarebbe stato, secondo i primi lievi, il distacco di un cavo elettrico che cadendo avrebbe provocato un forte rumore accompagnato da fumo e scintille. Diversi gli utenti che hanno contattato il Nue 112 segnalando di aver sentito delle esplosioni. Immediatamente il Nue ha attivato carabinieri, polizia, pompieri e 118. Almeno una decina le persone visitate dal personale del 118 presente sul posto principalmente per crisi di panico.

Rabbia

Dopo la paura la rabbia. Numerosi viaggiatori si sono lamentati per i ritardi dei soccorsi. “Dopo 20 minuti – ha raccontato una ragazza all'Ansa – fermi sui binari con i vagoni stracolmi ci hanno fatto evacuare camminando sul binario“. Una processione lunga 100 metri, fra il luogo dell'incidente e la fermata Policlinico. “Ho sentito due esplosioni – ha spiegato un ragazzo – ho pensato a un attentato”. I disagi, per gli sfortunati passeggeri, sono proseguiti. Raggiunta la superficie hanno atteso per diversi minuti l'arrivo di un autobus. Ma, con lo sciopero in corso, diversi mezzi erano fuori servizio. 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.