Dramma al Nomentano: donna disabile sola in casa per giorni con il cadavere del fratello

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:58

Una vicenda tragica quella avvenuta in Viale delle Provincie: un uomo di 80 anni, residente in un appartamento della strada del quartiere Nomentano, è stato trovato privo di vita dagli agenti del gruppo “Sapienza” della Polizia locale di Roma Capitale, allertati dagli operatori dei Servizi sociali che, invano, bussavano alla porta della sua abitazione. L’anziano era morto da alcuni giorni, probabilmente colto da un malore, e il suo corpo si trovava già in stato di decomposizione, riverso sul pavimento della casa che divideva con la sorella maggiore, di 87 anni, che accudiva da alcuni anni. Proprio la donna, disabile costretta al letto e, per questo, impossibilitata a chiedere aiuto dopo la morte del fratello, si è ritrovata costretta a restare sola in casa con il suo cadavere, senza poter dare l’allarme né ricevere le necessarie cure.

Una storia drammatica

L’intervento dei Vigili, i quali hanno dovuto forzare la porta d’ingresso per poter accedere all’appartamento, è fortunatamente servito a salvarla, nonostante gli evidenti segni di denutrizione e disidratazione. Sul posto sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco. La donna è stata immediatamente trasferita presso l’Ospedale “Sandro Pertini”, dove si trova attualmente in cura, mentre il corpo dell’80enne è stato portato via da un’ambulanza, secondo le disposizioni del magistrato. Stando a quanto appurato, l’uomo sarebbe morto per cause naturali e la sorella, afflitta da una patologia invalidante, si sarebbe ritrovata senza nessuno che si prendesse cura di lei. Non è chiaro da quanto tempo l’87enne si trovasse in questa situazione ma, presumibilmente, la morte del fratello risale a diversi giorni fa visto l’avanzato stato di decomposizione del corpo.

Al momento non risulta che vi siano altri parenti che possano prestare assistenza alla donna disabile che, per questo, è stata presa in carico dai servizi sociali. Un vero dramma della solitudine che, non fosse stato per il tempestivo intervento dei soccorsi, avrebbe potuto assumere proporzioni ancora più grandi. E di conseguenza più tragiche.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.