Domani il ballottaggio tra Di Pillo (M5S) e Picca (FdI)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:57

Domani Ostia andrà al ballottaggio per votare chi siededrà sulla poltrona del Municipio X. La sfida finale sarà ad appannaggio della favorita della vigilia, la pentastellata Giuliana Di Pillo (30,21%), e la candidata del Centrodestra Monica Picca (26,68%). A prendere le redini del Municipio X, dopo due anni di commissariamento per mafia, sarà dunque una donna.

M5S favorito

La candidata del Movimento 5 Stelle ha ottenuto 19777 voti, ben lontano dal 43,6% (42538 schede) che prese Virginia Raggi nelle comunali del 2016; Picca per il centrodestra ha invece raggiunto 17478 voti. Un margine favorevole ai pentastellati piuttosto risicato. 

Ma il vero spauracchio di domani è l'astensionismo. Al primo turno, il “non-voto” ha raggiunto il livello record del 36%: in pratica, solo un cittadino su 3 si è recato ai seggi, forse anche a causa del maltempo che ha flagellato Ostia lo scorso 5 novembre.

Alessandro Di Battista

“Speravo in più persone, però tante avvolte abbiamo riempito piazze e poi abbiamo avuto risultati inferiori alle aspettative, qui speriamo di farcela domenica”. E' l'amaro commenti di ieri fatto da Alessandro Di Battista, M5S, dinanzi alla bassa affluenza registrata ieri per la chiusura della campagna elettorale del Movimento. Circa 200 le persone presenti in piazza ad ascoltare la Di Pilla. “L’astensionismo – commenta su Il Fatto Quotidiano – è un problema ed è pure vero che colpisce più il M5S”. “Spero di vincere e resto abbastanza fiducioso”, conclude.

Giorgia Meloni

Per la chiusura della campagna del centro destra, è scesa in campo anche la leader di Fratelli d'Italia (FdI-An) Giorgia Meloni. “Le istituzioni – ha esordito, in merito a Mafia Capitale – hanno fatto finta di scoprire che c’è un problema criminalità a Ostia, non facendo nulla per sconfiggerla”. Ma la Meloni rifiuta “il racconto di un municipio che sembra uscito da Romanzo Criminale. Ci possono essere due o tre famiglie criminali – spiega -, ma il resto delle centinaia di migliaia di persone sono oneste. I cittadini stanno pagando questo racconto”.

“Spero che l’avviso di sfratto alla sindaca Raggi parta da questo municipio”, ha commentato la candidata, Monica Picca, “perché ha dimostrato quello che non sa fare”.

 

 

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.