Demolita l'ultima villa dei Casamonica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:54

Si è conclusa la demolizione degli otto villini abusivi appartenenti al clan Casamonica, nella periferia sud di Roma, in via del Quadraro.

Operazioni

Dopo l'intervento di sgombero delle abitazioni, eseguito martedì scorso da parte della polizia locale di Roma Capitale, sono entrate in azione le ruspe per la demolizione. Le operazioni di questi giorni hanno visto impegnate centinaia di persone: dagli agenti della polizia locale, che hanno presidiato l'intera area 24 ore al giorno, consentendo il regolare svolgimento dei lavori, al personale tecnico e agli operai che hanno lavorato senza sosta per portare a termine gli interventi di demolizione in tempi rapidi.

Prossimi passi

Con la fine dei lavori di abbattimento, è stato possibile dare il via al ripristino della regolare viabilità nella zona. Si è già proceduto alla completa riapertura di via del Quadraro, in entrambi i sensi di marcia, e delle strade limitrofe. L'impegno proseguirà nelle prossime settimane, durante le quali si procederà con la rimozione e il relativo smaltimento dei materiali, al fine di liberare completamente l'area, che al temine dell'opera di risanamento, potrà essere restituita alla collettività.

Il ministro

“Confido che la sfida governo-Casamonica finisca 6-0 e questi non avranno più gli occhi per piangere”, ha commentato ieri il ministro Matteo Salvini. In seguito a “Di Martedì” su La7, il titolare del Viminale ha ribadito il concetto: “Faccio il ministro da 5 mesi e aver abbattuto 10 ville dei Casamonica in una settimana mi fa venir voglia di farlo per altri 10 anni. I mafiosi resteranno anche senza mutande”.  

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.