Dai trasporti alla sicurezza: rivoluzione 5G

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:47

Da qualche settimana anche Atac è partner del progetto #Roma5G. Nei prossimi mesi saranno avviate sperimentazioni, limitate ad alcune aree della città, riguardanti la Sicurezza pubblica e la Mobilità urbana“. Così la sindaca di Roma, Virginia Raggi, all'incontro sul 5g organizzato da Huawei alla Camera.

Applicazioni

“Penso allo sviluppo di applicazioni sia per ottimizzare i servizi di georeferenziazione continua della posizione dell'autobus sia per definire nuovi modelli di tariffazione e di informazione ai viaggiatori sui mezzi pubblici. Penso anche ad applicazioni più pratiche come la diagnostica di bordo e l'analisi predittiva dei guasti”, ha proseguito la sindaca.

Biglietti 2.0

La nuova offerta di Atac spazia dall'acquisto multiplo di Bit tramite smartphone al pagamento della sosta tramite carta di credito, fino alle innovative “chip on paper” ricaricabili. Con B+ Atac ha realizzato un importante upgrade del sistema che consente l'acquisto di titoli di viaggio attraverso lo smartphone. E' stata messa in commercio anche una nuova contactless card dove si possono caricare i Bit. Un primo passo verso la dematerializzazione dei titoli di viaggio.

Viabilità

Altro esempio è la sperimentazione dei “semafori intelligenti” su alcune linee tram: per esempio su viale Trastevere; viale Regina Elena-Regina Margherita, prossimamente su alcune preferenziali riservate agli autobus. Il sistema si basa sul “dialogo” tra un software installato sul mezzo e la centrale che regola i semafori, riducendo in modo sensibile, quindi, i tempi di attesa con il rosso. Questo per incrementare il servizio e ridurre i tempi di attesa degli utenti. Abbiamo sposato e sostenuto il progetto di Open Fiber per la realizzazione di una rete di comunicazioni a banda ultra-larga sul territorio di Roma”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.