LUNEDÌ 04 MARZO 2019, 11:18, IN TERRIS


DROGA

Colle Fiortito come Scampia

Operazione antidroga nell'area est della capitale: 13 arresti e 20 denunciati.

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
A

lle prime ore dell'alba, a Colle Fiorito, i Militari della Compagnia Carabinieri di Tivoli avrebbero dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Roma su richiesta della locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, che avrebbe disposto l’arresto di 13 persone (8 in carcere e 5 agli arresti domiciliari) per il reato di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.


L'indagine

L’indagine convenzionalmente denominata “Torre 18”, posta in essere dai Carabinieri, avrebbe consentito di ricostruire l’operatività di un’organizzazione criminale dedita al traffico e allo spaccio di droga che avrebbe costituito, principalmente all’interno delle case popolari di via Rosata n.18, nel quartiere Colle Fiorito di Guidonia Montecelio, una vera e propria “piazza di spaccio”, che sarebbe riuscita nel tempo ad affermarsi come uno dei più grandi supermarket della cocaina dell’area tiburtina.

La tracotanza del sodalizio, operante in strada, di fronte all’istituto comprensivo “Montelucci”, sarebbe giunta al punto tale da vantare un vero e proprio controllo militare del territorio, che sarebbe stato più volte segnalato ai Carabinieri, dai genitori che accompagnavano i figli minori a scuola.

Gli elementi investigativi acquisiti a partire dal 2017, quando è scattata l'indagine, avrebbero dimostrato tra l'altro come l’organizzazione, oltre ad elargire uno stipendio settimanale agli affiliati, che lavoravano su più turni per garantire lo spaccio per 14 ore al giorno, sarebbe ricorsa anche a sistemi di videosorveglianza per segnalare il possibile arrivo di forze dell'ordine. A ciò – riferisce una nota dei Carabinieri – si aggiungerebbe il fatto che gli indagati avrebbero sempre potuto “contare” sulla collaborazione di molti condomini, a cui affidare i proventi quotidiani dello spaccio per eludere l’azione degli investigatori in caso di perquisizioni domiciliari. 
 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il gioco dei rulli
ROMA

Grave incidente per un concorrente di "Ciao Darwin"

L'uomo rischia la paralisi, il cugino: "Hanno continuato a registrare". Trasmissione spostata al 3 maggio per...
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Una delle chiese attaccate
SRI LANKA

Stragi di Pasqua: l'Isis rivendica

La notizia diffusa dall'agenzia Amaq. Sale a 310 morti il bilancio delle vittime, 40 gli arresti. Ieri nuova esplosione a...