Carabinieri contro suk e degrado

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:46

Abusivismo commerciale e degrado nel mirino dei carabinieri della Compagnia Roma Centro. Proseguono, infatti, i controlli dei militari nell'area del Parco Archeologico del Colosseo e dei Fori Imperiali. Il nuovo bilancio dell'operazione è di 5 persone denunciate e di altre 9 sanzionate. 

Infiltrati

I carabinieri del Comando Roma piazza Venezia in abiti civili, “infiltrati” tra i turisti, hanno sorpreso 3 ambulanti mentre cercavano, con atteggiamento molesto ed eccessivamente insistente, di vendere abusivamente i loro prodotti ai turisti in piazza del Colosseo. Per loro è scattata la denuncia in stato di libertà, per molestie  e disturbo a persone.

Droni e furti

Un turista americano di 24 anni, invece, è stato denunciato poiché sorpreso a pilotare da remoto un drone con telecamera accesa in violazione del divieto di sorvolo imposto sulla zona del Centro Storico della Capitale. L’ultima denuncia ha colpito un cittadino romeno di 61 anni identificato quale autore del furto di un portafogli ai danni di un dell’Honduras in visita all’Anfiteatro Flavio.

Sanzionati

Nove venditori ambulanti, tutti cittadini del Bangladesh sono stati sorpresi dai militari mentre vendevano oggetti vari che sono stati sequestrati. Nei loro confronti sono scattate sanzioni amministrative per un ammontare di oltre 46.476 euro. Sempre al Colosseo, i Carabinieri hanno proposto per il “Daspo Urbano” altri 3 cittadini del Bangladesh sorpresi a stazionare nelle aree di accesso e transito alla fermata della metropolitana “Colosseo”, limitandone la libera accessibilità e la fruizione ai passeggeri in transito; nei loro confronti, i Carabinieri hanno anche inviato la segnalazione al sindaco di Roma per l’irrogazione della  prevista sanzione pecuniaria.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.