“Capitale Italia”: partiti a confronto per Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:20

Il rilancio di Roma al centro di una piattaforma partecipata dai principali partiti che operano sul territorio cittadino e regionale. Si tratta di “Capitale Italia“, iniziativa promossa dal Centro Economia Digitale (Ced), presieduto da Rosario Cerra, con la collaborazione delle tre principali università romane.

L'iniziativa

“Capitale Italia” ha ricevuto l'adesione delle principali forze politiche, rende noto il Ced: M5S, Lega, Pd, Forza Italia, FdI, +Europa ed Energie per l'Italia, che avranno ciascuna fino a due rappresentanti al tavolo. Obiettivo del progetto è “il confronto innovativo e costruttivo tra le primarie forze politiche del territorio per attivare una moderna dinamica 'coopetitiva' (cooperativa e competitiva) – si legge in un comunicato – a favore della crescita e della competitività della Capitale d'Italia”.

Obiettivi

“L'iniziativa Capitale Italia – ha dichiarato Cerra, in passato anche presidente di Confcommercio Roma – si inserisce in un contesto di svariate proposte a supporto dell'esigenza del rilancio della nostra Capitale. Si differenzia dalle altre perché realizza una visione innovativa e sistemica che mette al centro la politica come luogo della decisione e come luogo dei progetti strutturati. L'adesione da parte dei partiti più rappresentativi del territorio è la dimostrazione della chiara volontà della politica di affrontare con il massimo impegno il futuro della Capitale d'Italia. La Capitale di un Paese è l’immagine stessa del Paese ed il suo principale snodo di persone, idee, merci e investimenti”.

Partiti a confronto

Il tavolo di lavoro, coordinato da Cerra, “definirà, in modo collegiale, gli obiettivi e le metodologie che verranno utilizzate, così come le eventuali iniziative, a favore di un confronto costruttivo e strutturato sulla crescita e sulla competitività della Capitale d'Italia. Le attività di preparazione del tavolo di lavoro partono oggi attraverso gli incontri con ogni singola forza politica da parte del Ced. Il primo incontro plenario è previsto per inizio giugno”.

Il Ced

Il Ced, nato a inizio 2017, si definisce “realtà apartitica, neutrale e aperta, che non ha scopo di lucro e svolge attività di promozione e utilità sociale con le Direzioni Scientifiche degli atenei Sapienza, Tor Vergata e Roma Tre”. Tra i promotori il preside della Facoltà di Economia di Tor Vergata, Giovanni Tria, attuale ministro dell'Economia. ​

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.