MARTEDÌ 10 OTTOBRE 2017, 18:01, IN TERRIS

Basilone sui roghi tossici: "Interventi come nella Terra dei fuochi"

Il prefetto in Commissione d'inchiesta sulle periferie: "Situazione insostenibile. Esercito? Deciderà il comitato metropolitano"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Roghi tossici
Roghi tossici

Numeri impietosi e in costante aumento quelli legati ai roghi tossici presenti sul territorio di Roma. Una questione particolarmente delicata, sentita in molti quartieri periferici e connessa soprattutto alle condizioni dei campi rom, dai quali provengono per la maggior parte. Un dramma ambientale e sanitario, riscontrabile in modo evidente nelle zone orientali della Capitale (Tor Sapienza su tutte) ma individuabile anche in realtà situate in altre aree della città (Monachina e La Barbuta). Per questo, nel corso della Commissione parlamentare di inchiesta sul degrado delle periferie, il prefetto di Roma Paola Basilone ha convenuto che “le persone che abitano in prossimità dei campi vivono una situazione insostenibile”. Ma non solo. Il capo della Prefettura propone anche una possibile via di fuga: “La mia opinione è che si potrebbero mutuare, con le dovute differenze, alcuni interventi fatti nella Terra dei fuochi”.


Collaborazione necessaria

Una soluzione applicabile, secondo il prefetto, con “una mappatura dei rifiuti”, con “l’andarne a verificarne l’entità e fare un grosso investimento sulle bonifiche. Poi porre in essere tutti i sistemi di vigilanza per impedire che questo possa accadere”. Un obiettivo che passa inevitabilmente dalla disponibilità immediata e dalla collaborazione totale da parte del Comune di Roma: “Noi sicuramente faremo un Comitato metropolitano – ha detto -. Ho chiesto al sindaco di Roma, Virginia Raggi,di darmi una data di convocazione ma evidentemente lei ha delle agende molto più complicate delle mie”. Parlando dei campi rom, invece, nei pressi dei quali si sviluppa la maggior parte dei roghi, Basilone ha affermato che per bonificare le quattro aree di maggiore crisi (Via Salviati, Salone, La Barbuta e Torre Spaccata), “ci vorrebbe un grosso impegno finanziario” e, più nell’immediato, la predisposizione di un sistema di vigilanza h 24.


Roghi, soluzione esercito?

A questo proposito, il prefetto ha spiegato di essersi confrontato con la sindaca Raggi, la quale avrebbe risposto “di avere poche pattuglie di vigili urbani, solo 5, per il controllo dei campi rom”. Un controllo ovviamente limitato, consequenzialmente poco efficace sulla problematica maggiore, quella dei mezzi in entrata nei campi anche perché “loro possono fare controlli amministrativi su quanto c’è dentro i mezzi, mentre le Forze dell’ordine no senza l’autorizzazione della magistratura”. Sarebbe possibile, dunque, un intervento dell’esercito? Il prefetto Basilone ha invitato alla prudenza, perché “l’Esercito ci garantisce oggi la vigilanza degli obiettivi sensibili che a Roma sono tantissimi, 1900 addetti sono tutti a presidio”. Sul possibile apporto “deciderà il comitato metropolitano, alla luce dei contributi del sindaco, della Regione e delle forze di polizia”.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Laboratorio
NASCITE

Solo il 5% dei bimbi nati da gameti italiani

Nel 95% dei casi i donatori per la procreazione eterologa provengono dall’estero
Immagine di repertorio
IL CASO

Milano, il pm sospende il gioco horror

Per gli inquirenti, l'assenza di illuminazione avrebbe messo in pericolo i concorrenti
La statua d'arte indigena, oggetto di controversie, trasportata lungo via della Conciliazione durante la Via Crucis del 19 ottobre scorso - Foto © Andrew Medichini per AP
SINODO PER L'AMAZZONIA

Statue indigene in chiesa gettate nel Tevere. Per alcuni erano pagane

Continua il caso controverso sulle statue di arte indigena collocate in una chiesa durante il Sinodo
Scritta per Desirée sul portone dello stabile dove il suo corpo è stato ritrovato
ROMA

Morte di Desirée, in quattro a processo

La 16enne venne ritrovata priva di vita, un anno fa, in uno stabile abbandonato del quartiere di San Lorenzo
Giuseppe Conte e Luigi Di Maio
GOVERNO

Manovra, bilaterali coi partiti: Conte prova a ricucire

Il premier incontra le forze di maggioranza per snodare i punti critici. E anche dall'Ue arriva una missiva per chiedere...
Il Ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu
DIPLOMAZIA

Ministro turco: "L'Italia ci aiuti con i terroristi"

"L’embargo sulle armi porterà un vulnus nelle relazioni italo-turche"
L'incendio e i danni al tetto della struttura storica
TORINO

In fiamme la Cavallerizza Reale, patrimonio Unesco

Appendino: "Il tema oggi non è l’occupazione ma che la Cavallerizza così non può stare"
Immagine di repertorio
NUOVI MERCATI

La tecnologia rilancia l'impresa, ma mancano 45 mila tecnici digitali

In agosto recupero della produzione industriale. Richieste nuove competenze e nel weekend 100 mila visitatori a Roma alla fiera...
La merce sequestrata
SALERNO

Contrabbando di tabacchi: 12 arresti

Sospeso il reddito di cittadinanza a cinque dei fermati
Strade allagate
ALLERTA METEO

Nubifragio a Milano, città allagata

Il fiume Seveso è vicino all'esondazione, sotto osservazione anche il Lambro
Bandiera cilena
CILE

Sale a 10 il numero delle vittime

Il Presidente Piñera: "Siamo in guerra". Arrestate 152 persone per violenze
L'Aula del Senato

Un centro che sia centro

Il meeting della Leopolda organizzato dall’ex premier Renzi, è stato tutto rivolto al messaggio da...