Auto travolge una famiglia di turisti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:26

Brutto incidente stradale nei pressi di San Pietro, dove un'automobile ha travolto un gruppo di pedoni su un marciapiede attorno alle 20.30. Secondo quanto riferito, a causa della forte pioggia l'auto, una Reanult Clio, sarebbe uscita di strada rovinando su una comitiva di turisti polacchi ferendone 4, tra i quali tre bambini: nessuno di loro, fortunatamente, è in pericolo di vita. L'incidente è avvenuto in Via della Conciliazione all'angolo con Via della Traspontina: l'autista, un italiano di 35 anni, si è schiantato contro il semaforo che delimita le due strade, scendendo poi dall'auto per soccorrere le persone ferite. I bambini sono stati portati d'urgenza presso il Bambin Gesù per scongiurare possibili lesioni.

Autista sotto choc

Stando ai primi accertamenti, e secondo la testimonianza riportata dall'uomo, ancora sotto choc, l'auto sarebbe slittata sull'asfalto bagnato, centrando quasi in pieno la famiglia di turisti e sbalzando il bimbo più piccolo (3 anni) dal passeggino, finendo poi la sua corsa contro il semaforo. Secondo i rilevamenti, l'auto stava viaggiando a una velocità ridotta proprio a causa della bomba d'acqua che ha colpito la Capitale, sfuggendo tuttavia al controllo del guidatore proprio davanti San Pio X, sotto Castel Sant'Angelo. Nonostante sia risultato sobrio, sia pure visibilmente scosso, il guidatore sarà comunque sottoposto ad alcol test.

Allarme immediato

Come prevedibile, l'incidente ha immediatamente fatto scattare un ingente allarme, facendo subito pensare a un possibile episodio di terrorismo. Alle Forze dell'ordine però, intervenute in modo estremamente tempestivo, è apparso subito chiaro come si trattasse di un incidente dovuto alle precarie condizioni di guida sotto il diluvio. La situazione si è risolta in modo meno grave di quanto potesse essere, considerando che la famiglia (il passeggino con il piccolo dentro, soprattutto) è stata centrata quasi in pieno dalla macchina ormai fuori controllo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.