Apre la farmacia di strada

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:09

Farmacie solidali in cui saranno dispensati farmaci donati a migranti e persone bisognose. È quanto prevede il progetto pilota “Farmacie di strada”, lanciato in occasione dell’Assemblea pubblica di Assogenerici e nato per contrastare il diffondersi di patologie legate alla povertà o al mancato accesso alle cure. “Abbiamo cura di loro” è lo slogan del progetto, ideato nel 2018, che ne sintetizza lo spirito e le finalità solidaristiche e che ha tra i suoi obiettivi la riduzione dello spreco di farmaci e la riduzione degli accessi impropri al Pronto soccorso. Si terrà il prossimo 16 settembre, alle ore 16, presso la sede dell’Associazione Voreco onlus a Roma (Via della Lungara, 141/a), l’inaugurazione della prima “Farmacia di strada” di Roma, il progetto nato dalla collaborazione di Medicina Solidale con Assogenerici, Banco Farmaceutico e Fofi (Federazione degli Ordini dei farmacisti italiani).

Percorso terapeutico

I medicinali verranno distribuiti all’interno di un percorso terapeutico avviato presso l’ambulatorio in Via della Lungara di Medicina Solidale. Nel corso dell’inaugurazione sarà presentato un primo bilancio dell’attività svolta. Saranno presenti Lucia Ercoli, presidente di Medicina Solidale, Enrique Häusermann, presidente di Assogenerici, Andrea Mandelli, presidente di Fofi, Sergio Daniotti, presidente del Banco Farmaceutico, padre Vittorio Trani, presidente di Voreco. Il progetto della farmacie di strada si colloca perfettamente nella politica professionale della Fofi, che vede da una parte l’evoluzione del ruolo mdel farmacista nel processo di cura e dall’altra il sempre maggiore impegno sociale dei professionisti del farmaco, riferimento più prossimo e accessibile per i bisogni di salute del cittadino” ha commentato su Ordinefarmacistiroma.it il presidente della federazione professionale dei farmacisti Andrea Mandelli, per il quale “iniziative come questa sono una risposta concreta alle crescenti difficoltà di accedere ai medicinali di una parte non trascurabile della popolazione e un mezzo efficace per ridurre gli sprechi”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.