Allarme arsenico nell’acqua: stop all’uso in 4 comuni romani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:00

E’ ancora emergenza acqua nelle campagne romane. Dopo il caldo e la siccità ora a preoccupare contadini e abitanti è la presenza di arsenico nell’acqua. Infatti, come riportano diversi media locali, a seguito di un incendio che ha coinvolto l’impianto idrico del campo pozzi di Carano–Giannottola, in provincia di Latina, si è verificato un innalzamento del livello di arsenico sopra i limiti di legge. Ad essere coinvolti sono quattro comuni laziali compresi tra le province di Roma e Latina: Nettuno, Cisterna, Aprilia e le zone all’estrema periferia di Latina.

Acqua avvelenata

Il divieto di usare l’acqua arriva direttamente dai sindaci delle città coinvolte dopo aver appreso i risultati delle analisi dell’Asl. Come specificato nelle ordinanze sindacali, i cittadini di queste zone sono invitati a non bere l’acqua del rubinetto, né a utilizzarla per cucinare. Anche se il flusso d’acqua da sabato non è mai stato interrotto, la qualità ne ha risentito in maniera considerevole. Stando a quanto riportato dal gestore idrico Acqualatina, la presenza di arsenico è pari a circa 11-12 microgrammi/litro, contro il tetto di 10 posto dalla normativa Ue. La ditta, per far fronte all’emergenza, ha fornito un servizio di autobotti e sta lavorando a una soluzione provvisoria che permetterà di tornare alla normalità nel giro di una settimana. Tuttavia, sarà necessario sostituire gran parte dell’impianto, operazione che durerà all’incirca un mese.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.