MARTEDÌ 28 GIUGNO 2016, 000:30, IN TERRIS

RAGGI LAVORA A UNA SQUADRA ANTI CORRUZIONE, MA SULLA GIUNTA E' INDIETRO

Dopo la relazione di Tronca la neo sindaca pensa a un team composto da magistrati, dirigenti onesti e uomini dell'Anac

REDAZIONE
RAGGI LAVORA A UNA SQUADRA ANTI CORRUZIONE, MA SULLA GIUNTA E' INDIETRO
RAGGI LAVORA A UNA SQUADRA ANTI CORRUZIONE, MA SULLA GIUNTA E' INDIETRO
Virginia Raggi lavora per "cambiare verso a Roma". Tradotto dal grillino significa: più trasparenza e lotta alla corruzione. Il ritorno alla legalità è una priorità. Da essa dipendono i destini della città, ancora alle prese con le scorie di Mafia Capitale. Per questo, secondo quanto riportato dal Messaggero, la neo sindaca starebbe pensando a un'idea innovativa: una cabina di regia interna al Campidoglio formata da dirigenti onesti, magistrati della corte dei Conti ed esperti dell'Anac.

Nei giorni scorsi Raggi ha letto la relazione sul Comune che gli è stata presentata dall'ex commissario straordinario, Francesco Paolo Tronca. Il documento è inquietante, parlando di "pericolose relazioni tra le organizzazioni criminali e l'area istituzionale, con possibili devianze dell'apparato burocratico-amministrativo locale". E proprio per scongiurare, in sede di appalti, il "frequente ricorso alla procedura negoziata" e "l'elevata frammentazione delle procedure e delle stazioni appaltanti" Raggi starebbe pensando a una squadra anti corruzione. Anche perché, dicono i più vicini al primo cittadino, "Virginia conosce l'amministrazione da appena 2 anni". E la mancanza di esperienza rende necessario un aiuto, specie in temi spinosi come questo.

Intanto in Campidoglio si lavora per completare la giunta. I numerosi rinvii sulla squadra di governo hanno consentito alle altre forze politiche (Pd in testa) di inaugurare la lunga stagione delle polemiche. Su questo Raggi ci ha messo del suo. In campagna elettorale aveva promesso di presentare i suoi assessori prima dell'ultimo confronto con Giachetti. Poi ha assicurato che la comunicazione dell'esecutivo capitolino sarebbe avvenuta nel giorno dell'insediamento. Ora la data buona è il 7 luglio, giorno in cui si svolgerà la prima riunione dell'Assemblea capitolina. Ulteriori ritardi sarebbero davvero sconvenienti.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Una delle chiese assaltate in Cile
CILE

Scontri e chiese assaltate: proteste per la visita del Papa

Carabinieri aprono gli idranti contro la "Marcia dei poveri", date alle fiamme altre tre parrocchie
SANITÀ

Allarme vaccini: i centri sono in tilt

Crisi dovuta alla legge sull'obbligo e all'assenza di personale. E prosegue la polemica politica
Emma Bonino
ELEZIONI

Bonino promette: "Sanatoria per gli immigrati irregolari"

La leader radicale vuole risolvere così il problema dei 500mila clandestini
Germania, scuolabus si schianta contro il muro di una casa
STOCCARDA

Scuolabus si schianta contro una casa: 47 feriti

Sei bambini sarebbero in gravi condizioni
Giuseppe Sala, sindaco di Milano ed ex amministratore di Expo
EXPO MILANO

Sala: chiesto il rinvio a giudizio per abuso di ufficio

Per l'affidamento diretto alla Mantovani spa della fornitura di 6mila alberi
Il commissario Ue agli Affari economici, Pierre Moscovici
UNIONE EUROPEA

Moscovici: "In Italia c'è rischio politico per l'Ue"

Il commissario Ue agli Affari economici: "Siamo usciti dall'era delle grandi crisi europee"
Simone Verdi e Lucas Moura
CALCIOMERCATO

Napoli: Verdi rifiuta, l'alternativa è Lucas Moura

Il Bologna punta a rinforzarsi: la società emiliana punta al ritorno di Gabbiadini
Bambino impaurito
SUSA

Bimbi maltrattati all'asilo: maestra arrestata

La denuncia partita da un'altra operatrice scolastica