Una zuppa con pesce fresco e zafferano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:13

Il brodetto è una zuppa preparata con il pesce fresco. Di origini antichissime, è diventata nel tempo una ricetta tipica delle Marche. La versione proposta si caratterizza per il colore tendenzialmente giallo dovuto alla presenza dello zafferano.

Ingredienti (dosi per 4 persone)

  • 1,2 kg di pesce fresco (scorfani, gallinelle di mare, canocchie, triglie, merluzzi, code di rospo, sogliole, calamari, sgombri, palombi, rombi, cefali, spigole, ecc)
  • 300 gr di seppie
  • 4 fette di pane casareccio
  • 1 cipolla
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • zafferanella selvatica o zafferano
  • 2 bicchieri di vino bianco secco
  • brodo di pesce
  • farina
  • 1 bicchiere di olio extravergine di oliva
  • q.b sale
  • q.b pepe

Procedimento

Pulire e lavare il pesce sotto l’acqua corrente, poi asciugarlo per bene. In un tegame imbiondire con l’olio la cipolla tagliata a rondelle sottili. Unire le seppie tagliate a strisce e lo zafferano sciolto in un po’ di acqua. Condite con sale e pepe e ricoprire il tutto con il brodo di pesce, cuocete a fuoco molto basso per mezz’ora.

Nel frattempo infarinare i pesci. Prendere un tegame con due manici e sistemate le seppie. Adagiare a strati tutti gli altri pesci avendo l’accortezza di cominciare con i più grossi e a seguire i più piccoli oppure con le carni più tenere. Per ultimo mettere le triglie.

Versare sul pesce il sugo allo zafferano, vino ed eventualmente acqua calda, regolare di sale e cuocere per 20 minuti a fuoco basso scuotendo delicatamente il tegame per i  manici.

Servire la zuppa in ciotole di coccio dopo avervi adagiato le fette di pane abbrustolito e spolverare con prezzemolo tritato.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.