Verso la Pasqua: la pizza di formaggio “alla marchigiana”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:03

Pizza di formaggio, salame, uova sode, pizza dolce con i canditi, frittata con gli asparagi e la pancetta. Sono queste le portate che formano la tradizionale colazione di Pasqua che si fa dalle mie parti, nell’entroterra marchigiano. Ricorda ancora quando la mattina di Pasqua, ci preparavamo e poi ci dirigevamo verso la casa dei miei nonni dove tutta la famiglia si riuniva per fare colazione insieme. La tavola imbandita, con la tovaglia bianca ricamata, un buon caffè e tutti i prodotti elencati sopra che erano stati benedetti dal sacerdote. Io ero – ma lo sono ancora – molto ghiotta della pizza di formaggio che faceva la mia nonna. Ecco la ricetta.

Ingredienti

  • 10 uova di cui 6 intere e 4 solo il tuorlo
  • 50 grammi di parmigiano grattugiato
  • 50 grammi di pecorino grattugiato
  • 50 grammi di pecorino romano grattugiato
  • 200 grammi di groviera (tre quarti grattugiato, il resto a pezzetti)
  • 200 grammi di strutto
  • 2 cucchiai di olio
  • 110 grammi di lievito di birra
  • 1 cucchiaino di cartina da dolci
  • 500 grammi di farina
  • sale e pepe

Procedimento

In una ciotola molto capiente mescolate le uova – che avrete regolato con poco sale e poco pepe – con la farina, poi aggiungere i formaggi grattugiati e lo strutto. Sciogliere il lievito in poca acqua a temperatura ambiente e aggiungerlo all’impasto insieme al lievito per dolci. A questo punto è la volta dei cubetti di formaggio. Mescolare bene, coprite con della pellicola e sopra uno strofinaccio e lasciate lievitare per almeno 4 ore.

E’ il momento di preparare le teglie, io a volte uso quelle per il ciambellone. Ungetele con un po’ di strutto; distribuite l’impasto e coprite con la carta forno. Infornate a 180 gradi per circa 40-45 minuti. Togliere la carta forno e far cuocere altri 20-25 minuti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.