Un risotto per portare in tavola i profumi del bosco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:07

Cosa c’è di meglio di un risotto per portare in tavola i profumi del bosco? Il loro aroma che si spande nella cucina, mi fa tornare alla mente la mia nonna che cucinava i funghi in un vecchio tegame di coccio sul piano della stufa a legna. Con le sue mani sapienti, e uno sguardo vigile per non farli passare di cottura, li mescolava di tanto in tanto per preparare il risotto ai profumi del bosco. La ricetta non è quella della nonna, ma è rivisitata a modo mio.

Ingredienti per 4 persone

  • 300 grammi di riso
  • 200 grammi di porcini surgelati
  • 40 grammi di burro
  • una cipolla
  • 20 grammi di midollo di manzo
  • un bicchiere di vino bianco
  • 1,2 litri di brodo
  • 1 rametto di ribes
  • grana padano grattugiato
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • sale

Procedimento

Scongelate parzialmente i funghi e tagliateli a fettine. Sbucciate e affettate a velo una cipolla. In una casseruola mettete l’olio e metà burro, aggiungete la cipolla e fatela appassire. Unite il midollo a pezzetti e fate cuocere qualche istante, poi unite i funghi. Cuocete per un paio di minuti, mescolando, poi unite il riso e fatelo tostare.

Quando sarà perfettamente tostato, sfumate con il vino bianco. Fate evaporare tutto il vino e poi aggiungete man mano il brodo. Ci vorranno circa 18 minuti affinché il riso sia cotto. Non aggiungete il brodo tutto in una volta, potrebbe risultare troppo e far scuocere il vostro risotto.

Spegnete il fornello. Aggiungete al vostro risotto il burro rimasto e tre cucchiai di grana grattugiato, mescolate. Regolate di sale e pepe a vostro piacimento. Impiattate e decorate con il ribes (in alternativa anche un ciuffetto di prezzemolo) e servite ben caldo. Buon appetito.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.