Preparare il pranzo della domenica: il coniglio farcito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:08

La domenica, solitamente, è il giorno in cui abbia a disposizione più tempo per cucinare. Allacciare il grembiule, seguire una ricetta e preparare nuovi piatti: il pranzo in famiglia, oltre un’importante opportunità per stare tutti insieme, è un’occasione per sperimentare qualcosa di nuovo. La ricetta che vi propongo oggi è quella del coniglio farcito. Un consiglio: se vivete in una zona di campagna, cercate un contadino che possa vendervi un suo coniglio, noterete la differenza di sapore.

Ingredienti

  • 1 coniglio disossato
  • 3 uova
  • 100 grammi fontina
  • 100 grammi prosciutto affumicato
  • 50 grammi di cipolline
  • 50 grammi di olive
  • mezzo bicchiere di vino bianco secco
  • dragoncello
  • brodo vegetale

Procedimento

Dopo aver lavato con acqua fredda il coniglio, asciugatelo con della carta da cucina. Adagiatelo sopra un tagliere e salate e pepate. Con le uova preparate una frittata, condita solo con sale e pepe, cercando di non farla rompere. Tagliate la fontina a fettine sottili.

Sul coniglio, adagiate la vostra frittata, le fettine di prosciutto cotto, la fontina. Arrotolate avendo cura di mantenere all’interno del coniglio tutti i vari ingredienti. Per far sì che non si apra durante la cottura, potete avvolgerlo con la rete che si utilizza per i roastbeef.

In un tegame abbastanza largo mettere un giro di olio extravergine di oliva e far rosolare il coniglio. Quando sarà dorato e la carne sigillata, sfumare con il vino bianco e far evaporare. Aggiungere il brodo vegetale, poco alla volta, e far cuocere per circa  minuti girando il coniglio di tanto in tanto. Aggiungere le cipolline, le olive e altro brodo e continuare la cottura per altri venti minuti.

Quando sarà cotto, togliere il coniglio dal tegame, lasciando da parte il fondo di cottura. Lasciarlo raffreddare. Togliete la rete e con, con un coltello ben affilato fare delle fettine non troppo spesse. Disporre su un vassoio e versare sopra il fondo di cottura che avrete precedentemente riscaldato. Buon appetito.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.