Zucca punta al “Polpo in doppia cottura su crema di patate e cipolla”

Ecco i consigli online di Francesco Zucca, chef del Bistrot 100 di Cagliari, per cucinare un polpo in versione gourmet da fare in casa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:09
polpo
Ricetta dello chef Francesco Zucca

Una ricetta gustosa da preparare con pochi ingredienti per unire l’utile e il dilettevole. E il tempo trascorso obbligatoriamente a casa diventa l’occasione per inventare e assaporare nuovi piatti e cimentarsi con i segreti dell’arte culinaria.

Francesco Zucca, titolare e chef del Bistrot 100 di Cagliari, svela su internet ingredienti, dosi e procedimento per due loro proposte.

“Polpo in doppia cottura su crema di patate e cipolla”

É tra i piatti più richiesti del suo locale. Ecco i passi da seguire per la ricetta di Francesco Zucca, svelate all’Ansa.

Ingredienti per 2 persone: 400 grammi di polpo, 300 di patate una cipolla dorata, 250 millilitri di latte, sale e pepe quanto basta e olio extra vergine d’oliva.

  • Pelare le patate, tagliarle a cubetti e lasciarle in ammollo per qualche minuto, scolarle e tamponarle con carta da cucina.
  • Scaldare l’olio, affettare e far soffriggere la cipolla e una volta dorata aggiungere le patate.
  • Versare tre bicchieri d’acqua e lasciarle cuocere per circa 20 minuti aggiungendo dell’acqua se necessario.
  • Lasciare intiepidire le patate e poi usare il frullatore ad immersione per ottenere un composto vellutato.
  • Aggiungere il latte e portare a ebollizione per ottenere una crema densa. Pulire il polpo e tagliarlo coi tentacoli, sbollentarlo per circa 25 minuti e poi scolarlo.
  • Nel frattempo, scaldare la griglia e una volta calda completare la cottura dei tentacoli.
  • Servire il tutto adagiando un mestolo di crema di patate ancora tiepida e adagiando due tentacoli per piatto.
  • Regolare sale e pepe e completare con un giro d’olio extravergine di oliva a crudo.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.