Panzanella sbriciolata: la ricetta e il vino giusto per un classico della cucina

Piatto tipico di tutta l'Italia centrale, la ricetta originale della panzanella prevede pane raffermo, cipolla, basilico con olio d'oliva, aceto e sale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05
panzanella
La panzanella

Voglia di panzanella? Chiamata anche pansanella, panmòllo o pane ‘nzuppo, è un piatto tipico di tutta l’Italia centrale, dalla Toscana, alle Marche, all’Umbria. Ma è spesso associata al Lazio e alla città di Roma in particolare. La ricetta originale prevede pane raffermo, cipolla, basilico, il tutto condito con olio d’oliva, aceto e sale. Nel tempo sono state introdotte varie aggiunte, alcune delle quali ormai riconosciute come canoniche, come il pomodoro crudo a pezzi e il cetriolo. C’è da dire che la ricetta si presenta in molte varianti con aggiunte e sostituzioni di vario tipo: carote, finocchi, mais, sedano, peperoni a crudo, würstel, mozzarella, formaggi di vario tipo, sottoli, sottaceti, fagioli borlotti oltre che spezie a scelta per dare sapore, come origano, basilico, erba cipollina etc. Noi ve la proponiamo nella versione “sbriciolata”. Questa pietanza si abbina con vino bianco fermo, di medio corpo, in particolare con vini prodotti in Toscana e Lazio. Qui alcuni Doc di riferimento.

Ingredienti per 4 persone:

6 fette di pane casereccio
150 gr di ravanelli
1 piccola cipolla fresca (bianca o rossa)
2 cetrioli
150 gr di olive verdi denocciolate
200 gr di pomodorini datterini gialli e rossi
Mezzo bicchiere di aceto bianco
Olio
Sale
Pepe
Basilico

Preparazione della panzanella sbriciolata

In una piccola ciotola mettete l’acqua con l’aceto, immergete le fette del pane senza tenerle a bagno poi strizzatele e sbriciolatele in una ciotola. Condite con un pizzico di sale e olio e mescolate. Pulite le verdure, tagliatele a fettine sottili, aggiungete le olive sgocciolate e condite con un po’ di sale e olio. Amalgamate il pane sbriciolato con le verdure e posizionatele in una ciotola da portata, guarnite con dei ciuffi di prezzemolo. Servite dopo aver lasciato il composto per mezz’ora in frigo. E buon appetito!

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.