Le paste della Befana come le faceva la nonna: il trucchetto che devi sapere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:00

Si avvicina il giorno dell’Epifania, festività che in molti chiamano giorno della Befana. Tradizionalmente, le nonne cucinavano dei biscotti detti della Befana: il trucchetto che i giovani non conoscono. 

Buone, fragranti, con quel caratteristico odore che ti fanno tornare alla mente i bei giorni di quando, da piccoli, le feste si passavano tutti insieme, magari a casa della nonna che, per l’occasione, oltre al succolento pranzo, aveva preparato le paste della Befana: biscotti di facile preparazione che però nascondono un piccolo “segreto” che la nonna era reticente a svelare.

Ma come si preparano? Sono pochi gli ingredienti che servono questa preparazione, ma con pochi semplici passaggi avrete dei succolenti biscotti da poter mettere nella calza dei vostri bambini e, per chi lo ha, da appendere al camino. Un ritorno a quelle belle tradizioni familiari che scaldano tanto il cuore.

Come fare le paste della Befana

Ma torniamo alla ricetta. Ecco quali sono gli ingredienti necessari:

  • 4 uova
  • 100 gr di burro o strutto fuso
  • 400 gr di zucchero
  • 1 bicchiere di latte
  • 30 gr di ammoniaca
  • la buccia di un limone grattugiato
  • 1 pizzico di sale
  • 1 kg di farina

Ed è proprio negli ingredienti che si nasconde il trucchetto della nonna che, non essendo ossessionata dalle diete, per una volta faceva i biscotti con lo strutto. Per chi vuole è facilmente sostituibile con il burro: il risultato non sarà proprio lo stesso, ma saranno comunque buonissimi.

Ma, bando alle ciance e mani in pasta! Per prima cosa fondere lo strutto (o il burro). In una ciotola montate le uova con lo zucchero e la buccia del limone, poi aggiungiamo lo strutto e mescoliamo bene. Sciogliamo l’ammoniaca nel latte e aggiungiamola al resto dell’impasto, poi iniziamo a mettere la farina, regolandoci sino ad avere un impasto molto simole alla pasta frolla che solitamente si usa per la crostata: morbido ma abbastanza compatto da poterlo stendere con un mattarello.

Ora viene il bello: con delle formine ritagliate i costri biscotti. La mia nonna, che di formine per ritagliare i biscotti non ne aveva, faceva delle forme tipo omino che poi decorava con due gocce di cioccolato come occhi, un candito come naso e per la bocca utilizza un pezzettino di buccia d’arancia. Sta a voi giocare con la fantasia e sbizzarrirvi come più vi piace.

Decorate i biscotti con degli zuccherini colorati, disponeteli in una teglia rivestata con carta da forno e cuocete – a forno preriscaldato a 180 gradi – per circa 20 minuti: il tempo è indicativo perché ogni forno ha le sue caratteristiche. Buona Epifania con le vostre paste della Befana. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.