I gustosi carciofi con ripieno campagnolo. Questo ingrediente li rende fenomenali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:45

I carciofi, un ortaggio dal sapore unico e inconfondibile. Ricchi di proprietà e di gusto, possono essere protagonisti della cucina. Scoprite la nostra ricetta e l’ingrediente che li rende così particolari. 

Nel libro delle ricette della mia nonna una pagina è dedicata a quello che è uno dei miei piatti preferiti: i carciofi ripieni. Facili da preparare, con pochi ingredienti. Quando la mia nonna li preparava per la cucina si spandeva un profumo unico, che ancora oggi mi sembra di sentire.

Sembrerebbe una ricetta complicata, ma in realtà si prepara in pochi passaggi. Ma c’è un ingrediente che la nonna metteva all’interno del ripieno che li rendeva così particolari. I carciofi sono un ortaggio di stagione, se ne trovano diverse varietà, tra le più famose troviamo il Brindisino, il “Paestum” (carciofo IGP proveniente dall’omonima città della magna Grecia di Capaccio-Paestum), lo Spinoso Sardo, lo Spinoso d’Albenga, la Mammola verde e molte altre.

I carciofi con il ripieno campagnolo della nonna

Pulite i carciofi: togliete le foglie esterne più dure, tagliate le punte. Mi raccomando quando fate questa operazione abbiate l’accortezza di utilizzare dei guanti monouso per evitare che i carciofi vi macchino le mani. Inoltre, una volta puliti, immergeteli in acqua e limone: questo non farà annerire i carciofi. Dopo averli puliti, disponeteli a “testa in giù” su un canovaccio, in modo che possano sgocciolare di tutta l’acqua che potrebbe essere rimasta al loro interno.

Vediamo quali ingredienti ci serviranno, abbiate ancora un po’ di pazienza e vi svelerò anche quello “segreto”. Avremo bisogno di carciofi, pane grattugiato, prezzemolo, aglio, uova, sale, olio extra vergine di oliva e un bicchiere di vino bianco. Sbucciate l’aglio, sminuzzate il prezzemolo. Aggiungete questi ingredienti al pane grattugiato: sarà questo il ripieno dei nostri carciofi.

Giusto, dimenticavo, l’ingrediente che li rende fenomenali: si tratta della mentuccia. Da non confondere con la menta o la menta romana, la mentuccia è un grande alleato in cucina. Più delicata e meno persistente della menta, ha le foglie piccoline e chiare; i suoi fiori sono violetti, il gambo è ricoperto da una leggera peluria. L’aroma è simile a quello della menta, ma più delicato, e si sposa bene con carni, pesci e verdure come funghi (come si usa in Toscana) o carciofi.

Usate il composto che avete preparato prima per farcire i carciofi, e disponeteli in una pentola. Versate un filo d’olio e portate sul fuoco. Dopo qualche minuto sfumate con del vino bianco, coprite e fate cuocere fino a quando i carciofi non saranno teneri. Buon appetito.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.