In autunno non rinunciamo ai colori nel piatto: ecco la frittata raggio di sole

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:55

Anche a tavola l’occhio vuole la sua parte. Per questo è importante, anche in autunno, non rinunciare a servire dei piatti che siano belli da vedere… ma anche buoni da mangiare. Ricca verdure e colorata, ecco come cucinare la frittata raggio di sole.

Ingredienti

  • una zucchina
  • una piccola carota
  • una cipollina bianca
  • 2 falde di peperone rosso
  • 5-6 steli di erba cipollina
  • 5 uova
  • 50 grammi di caciotta
  • 2 cucchiai di grana grattugiato
  • 2-3 cucchiai di latte
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • sale e pepe

Procedimento

Pulite e lavate tutte le verdure e riducetele a dadini non troppo piccoli. Tagliate la cipollina a fettine sottili e mettetela in una padella con dell’olio, salate e fate stufare per cinque sei minuti. Unite le altre verdure e proseguite la cottura fino a quando non saranno tenere.

Tagliuzzate l’erba cipollina. Nel frattempo, accendete il forno a 180 gradi. Rompete le uova in una ciotola, salate, pepate, aggiungete il latte, il grana grattugiato e sbattete il composto con una forchetta. Scaldate sul fuoco una teglia rotonda, versate le uova e attendente qualche secondo fino a quando i bordi inizieranno a rapprendersi. Con l’aiuto di due cucchiai di legno, raccoglieteli e portateli verso il centro della frittata, ripetete l’operazione un paio di volte.

Prima che la parte superiore della frittata sia del tutto rappresa, distribuitevi sopra le verdure e la caciotta. Passate la frittata in forno qualche minuto fino a che la superfice sia ben rappresa e il formaggio fuso. Togliete la frittata dal forno e trasferitela su un piatto da portata. Servite calda o tiepida.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.