Buono anche in ufficio: insalata di patate e salmone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:06

Chi mangia al lavoro e non ha a disposizione una mensa aziendale, spesso è costretto a mangiare un panino, un pezzo di pizza o un tramezzino. Cibi che a lungo andare possono risultare monotoni e non proprio salutari. Ecco allora la nostra proposta per una pausa pranzo salutare e facile da preparare, che si può cucinare anche la sera prima. L’unica accortezza? Preparare il condimento a parte, magari da mettere in un vasetto a chiusura ermetica in modo da rendere più facile il trasporto. Ecco come preparare l’insalata di patate e salmone.

Ingredienti

  • 4 tranci di salmone fresco
  • 2 patate
  • 2 cucchiai di panna liquida
  • 250 grammi di yogurt intero
  • 1 rametto di prezzemolo
  • mezza cipolla
  • 1 foglia di alloro
  • 1 cucchiaio di capperi
  • sale e pepe

Lessare le patate

Lavate le patate e mettetele in una casseruola con un litro di acqua fredda. Portata a bollore e cuocete 25 minuti, unite un pizzico di sale e cuocete ancora due minuti e scolate. Pelate le patate e lasciatele raffreddare; tagliatele a fette spesse 1/2 centimetro.

La cottura del pesce

Sbucciate la cipolla, lavatela e tagliatela a pezzi. Portate a bollore un litro e mezzo di acqua, aggiungete una casseruola, aggiungete la cipolla, l’alloro e un pizzico di sale. Unite i tranci di salmone e cuocete 10 minuti. Puliteli dalla pelle e dalle lische e spezzettateli.

Il condimento

Lavate e tritate prezzemolo e capperi; mescolate yogurt e panna, sbattete con una forchetta, unite un cucchiaio di trito, sale e pepe e amalgamate. Disponete il salmone e le patate sul piatto, cospargete con il trito rimanente e guarnite con un cucchiaio di salsa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.