I brutti ma buoni: scoprite la ricetta della mia nonna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:08

Conoscete i brutti ma buoni? Sono dei biscotti buonissimi, in genere contengono frutta secca e uvetta. Di versioni, penso si possa dire senza paura di essere smentiti, ne esistono tante quante le stelle del cielo. Questa che vi propongo oggi è la ricetta che la mia nonna preparava a tutti i suoi nipoti.

Ingredienti

  • 150 grammi di mandorle
  • 50 grammi di uvetta
  • 3 albumi
  • 40 grammi di zucchero
  • per l’esterno a piacere dei cereali in fiocchi

Procedimento

Tostate le mandorle in una padella antiaderente. Dividetele in tre: due terzi dovranno essere tritate finemente con il mixer; la parte rimanente in maniera più grossolana. Montate a neve ferma gli albumi, unite poco alla volta lo zucchero e incorporate le mandorle in polvere. Aggiungete l’uvetta che avrete precedentemente ammollato in acqua tiepida per almeno 20 minuti e strizzato bene.

Preparate una teglia, ricoprite con della carta da forno. Con l’aiuto di un cucchiaio formate delle “palline”. A questo punto potete optare per due versioni: o passarli nelle mandorle tritate grossolanamente o nei cereali. Dopo averli adagiati nella teglia, schiacciateli leggermente. Cuocete in forno già caldo, a circa 150-160 gradi, per venti minuti. Una volta freddi potete spolverare con zucchero a velo o servirli così come sono.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.