La ricetta speciale della domenica: “Alette di pollo roventi a modo mio”

L'ingrediente "super" delle alette è il tabasco, una salsa piccante ricavata dal peperoncino della specie Capsicum frutescens prodotta in Usa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:19
Le alette di pollo

I pranzi domenicali hanno sempre qualcosa di magico: la famiglia riunita, la tovaglia più bella e … la ricetta speciale! Oggi vi proponiamo un secondo a base di carne di pollo (nello specifico, le alette) saporito ma leggero, da accompagnare con una bella insalata, patate arrosto e dei gustosi peperoni sfiziosi al forno.

Ingredienti per 4 persone

12 alette di pollo
Succo di un limone
2 cucchiai di paprika dolce
2 cucchiai tabasco
Peperoncino in polvere a piacere
Sale
Pepe
Olio

Preparazione delle alette di pollo a modo mio

Pulite e fiammeggiate le alette. Poi lavatele, asciugatele e mettetele in un contenitore con il succo di limone, la paprika, il peperoncino, il tabasco, il sale e il pepe. Massaggiate molto bene il tutto e fate riposare il composto per un’ora circa. Poi, disponete le alette su una teglia con carta forno e cuocete in forno a 200 gradi per circa 40 minuti. Il risultato? Resterete a bocca aperta!!!

Il tabasco

Il Tabasco è una salsa piccante ricavata dal peperoncino della specie Capsicum frutescens. La salsa, il cui nome deriva dall’omonimo Stato del Messico, è prodotta da un’azienda statunitense con sede in Louisiana. Ne detiene il brevetto fin dal 1870 ed è proprietaria del marchio Tabasco Sauce. È la prima salsa piccante prodotta industrialmente negli Stati Uniti, a partire dal 1859, e tutt’oggi è una delle più note.

L’abbinamento del vino

Quale vino mettere in tavola per alette? Con il pollo, che ha una carne bianca dal sapore piuttosto delicato che non va coperto con un vino troppo corposo, la scelta migliore è quella di abbinare un rosso leggero o di media struttura, come un Chianti o un Pinot Nero.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.