MARTEDÌ 12 FEBBRAIO 2019, 11:59, IN TERRIS


ECUMENISMO

Welby: "Convertirsi al cattolicesimo? Non mi dispiace"

Parla il primate anglicano di Canterbury: "Roma è una fonte di ispirazione"

REDAZIONE
L'

arcivescovo anglicano di Canterbury, Justin Welby, ha parlato del rapporto con la Chiesa di Roma in termini sorprendenti nel corso di un'intervista concessa alla rivista "The Spectator"


Le dichiarazioni

Interrogato sulla tendenza di molti ministri anglicani che si convertono al cattolicesimo, Welby ha replicato: "A chi importa?", chiarendo: "Non mi dispiace se succede questo, soprattutto se le persone vanno a Roma, che è una fonte di ispirazione". Per rafforzare il concetto, la massima autorità della sua chiesa ha raccontato anche una vicenda personale: "Ho ricevuto un'e-mail da un vecchio amico e sacerdote anglicano che ha deciso di convertirsi al cattolicesimo. Ho risposto dicendo; 'che meraviglia! Finché segui la tua vocazione, stai seguendo Cristo'". 


Lodi al Papa

Nell'intervista c'è stato spazio per parole al miele anche per il Papa: "È semplicemente meraviglioso. Lo trovo molto utile". Esprimendosi sul dialogo ecumenico, ha affermato: "Ciò di cui abbiamo bisogno è che le persone siano discepoli di Gesù Cristo, quindi non mi importa davvero che se appartengano alla Chiesa d'Inghilterra o di Roma o agli ortodossi o ai pentecostali, luterani o battisti. Sono fedeli discepoli di Cristo." L'arcivescovo anglicano ha incontrato diverse volte Francesco ed ha anche partecipato ad una celebrazione dei Vespri presieduta dal Pontefice nella chiesa dei Santi Andrea e Gregorio al Celio tre anni fa. Una cerimonia organizzata proprio per commemorare i 50 anni dall'incontro tra Paolo VI e l'allora primate anglicano Micheal Ramsey. Al termine dei Vespri fu firmata anche una Dichiarazioen comune.


Legami con il cattolicesimo e critiche

Uno dei consiglieri di Justin Welby è padre Nicolas Buttet, un religioso svizzero che ha abbandonato la carriera politica e giuridica per fondare una Fraternità eucaristica dedicata alla semplicità sulle orme di San Francesco d'Assisi. La buona predisposizione del primate anglicane verso la Chiesa di Roma gli è costata qualche critica: sulle affermazioni rilasciate a "The Spectator" si è espresso il direttore del Christian Institute, Colin Hart, secondo cui: "L'arcivescovo Welby sembra indifferente sul fatto che qualcuno sia cattolico o protestante ma ci sono grandi differenze nella dottrina tra i trentanove articoli e la credenza cattolica romana". Differenze che, a parere di Hart, "erano importanti per uomini come Cranmer, Ridley e Latimer che morirono per la loro fede. E dovrebbero importare anche a noi oggi."

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La nave turca Efe Murat tra i flutti
PUGLIA

Nave turca arenata sul litorale di Bari

A bordo quindici persone, ferito un soccorritore
Cantiere Tav di Chiomonte

Grave insufficienza

Dopo il congelamento concordato della tav Torino-Lione da parte della maggioranza del governo,  ecco che arriva la...
Greta in marcia con gli studenti
PARIGI

Studenti ancora in marcia per il clima

A guidare la manifestazione l'attivista svedese Greta Thunberg
Cantieri Tav
TAV

Salvini: "Nessuno stop, solo revisione"

Il vicepremier chiarisce a Mattino 5: "Il progetto può essere rivisto". Toninelli: "Nessun blocco"
Conferenza Parole Guerriere alla Camera
LA RAI DEL CAMBIAMENTO

Foa: "Valorizzare l'informazione alternativa"

Il presidente del servizio pubblico ha partecipato al seminario del M5s "Parole guerriere"
Uno dei nuovi bus
ATAC

A breve in servizio i primi bus a noleggio

Fanno parte di uno stock di 108 mezzi della ditta Cialone