GIOVEDÌ 16 MARZO 2017, 18:49, IN TERRIS

Vietato fare i padrini di battesimo e cresima ai mafiosi

Decreto dell'arcivescovo di Monreale mons. Pennisi alla vigilia della giornata della memoria

SALVATORE CAPORALE
Vietato fare i padrini di battesimo e cresima ai mafiosi
Vietato fare i padrini di battesimo e cresima ai mafiosi
I mafiosi non possono fare i padrini di battesimo o di cresima. La linea della "tolleranza zero" nei confronti dei membri di "Cosa nostra" e di quanti sono collusi con la criminalità organizzata è stata ribadita dall’arcivescovo di Monreale mons. Michele Pennisi che, dopo aver sentito il Consiglio Presbiterale Diocesano, ha emesso un decreto con il quale stabilisce che non possono essere ammessi all’incarico di padrino del battesimo e della cresima: “coloro che si sono resi colpevoli di reati disonorevoli o che con il loro comportamento provocano scandalo; coloro che appartengono ad associazioni di stampo mafioso o ad associazioni più o meno segrete contrarie ai valori evangelici ed hanno avuto sentenza di condanna per delitti non colposi passata in giudicato”.

Una decisione che si inserisce nel solco dei pronunciamenti della Chiesa siciliana che ha ribadito nei suoi documenti (del 1982, 1994, 1996 e 2012) che “tutti coloro che, in qualsiasi modo deliberatamente, fanno parte della mafia o ad essa aderiscono o pongono atti di connivenza con essa, debbono sapere di essere e di vivere in insanabile opposizione al Vangelo di Gesù Cristo e, per conseguenza, alla sua Chiesa”. Un decreto analogo, riguardante le Confraternite, era stato emesso il 5 maggio 2014.

La decisione di mons. Pennisi arriva alla vigilia di un altro appuntamento molto sentito, la giornata nazionale della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime della mafia, che si celebrarà il 21 marzo. La Camera ha approvato all'unanimità l'istituzione di questa ricorrenza lo scorso 1 marzo fissandola nella data in cui veniva già celebrata dall'associazione Libera, il primo giorno di primavera. Come si ricorderà, anche Papa Francesco aveva voluto partecipare all'iniziativa dell'associazione di don Ciotti il 21 marzo 2014, nella chiesa di San Gregorio VII. In tale contesto, l’Ufficio Pastorale Sociale e del Lavoro della Diocesi di Monreale, in sinergia con il “Caffè Teologico” di Corleone ha organizzato per il prossimo 26 marzo proprio a Corleone, una giornata di riflessione dal titolo “La mafia si nasconde negli ambienti religiosi?”. Oltre a mons. Pennisi ne parleranno il magistrato Nicola Aiello e Pino Martinez, componente di quel “Comitato Intercondominiale” che fortemente sostenne l’opera del Beato Padre Pino Puglisi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Carlo Calenda
ALITALIA

Calenda: "Offerta Lufthansa va migliorata"

Il ministro dello Sviluppo economico a 'Circo Massimo': "Collegamenti più efficienti possibile"
La portaerei USS Ronald Reagan, dove il velivolo era diretto
GIAPPONE

Aereo militare Usa precipita nel Pacifico

A bordo c'erano 11 passeggeri: recuperati in 8, non si sa se vivi. L'incidente a sud-est di Okinawa
CORLEONE

Salma di Riina tumulata. Nessun funerale

Ad accompagnare il feretro alcuni parenti. Il prete ha dato una benedizione
Silvio Berlusconi
STRASBURGO

Berlusconi candidato: la Corte europea decide

Udienza sul ricorso presentato nel 2013 dal Cavaliere contro gli effetti della Legge Severino
La piramide di Cheope
EGITTO

Il trono di Cheope in una stanza segreta della piramide

L'archeoastronomo Magli ha suggerito di tentare una nuova esplorazione della piramide con l'ausilio di un robot
I fotogrammi della drammatica fuga del disertore
COREA DEL NORD

Disertore inseguito oltre confine: violato l'armistizio

Il fuggitivo nordcoreano è stato colpito 5 volte e rincorso nella zona demilitarizzata