MERCOLEDÌ 10 LUGLIO 2019, 10:24, IN TERRIS


BUDAPEST

Chiese etiopi: "Fermare l'emigrazione, aiutare gli africani a restare"

Una delegazione ecumenica d'Etiopia ricevuta dal governo ungherese: "Attenzione al fondamentalismo crescente"

FEDERICO CENCI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il card. Souraphiel e la delegazione etiope in visita al primo ministro ungherese Orban (foto: kormany.hu)
Il card. Souraphiel e la delegazione etiope in visita al primo ministro ungherese Orban (foto: kormany.hu)
L

a voce dei vescovi africani riecheggia ormai di frequente. L'appello dei presuli ai propri giovani è fin troppo chiaro: basta emigrazione, basta diventare carne da macello per trafficanti d'esseri umani e imprenditori senza scrupoli che in Europa sfruttano mano d'opera straniera per abbassare il costo del lavoro. Al contrario, bisogna che le forze giovani restino in Africa, è l'unica opportunità per quelle terre di riscattarsi. Non basta, però, la buona volontà dei giovani. Serve l'impegno politico, dei Paesi africani certo, ma anche e soprattutto della comunità internazionale. In tal senso si colloca il Programma Hungary Helps, iniziativa del governo magiaro che prevede aiuti concreti in Africa e che finora ha dato sostegno a migliaia di persone.


Il grazie al governo ungherese

Tra queste, tanti giovani etiopi che hanno potuto accedere a borse di studio in Ungheria, per poi tornare a casa e contribuire alla crescita del proprio Paese. Il 17 e 18 giugno scorsi, a Budapest, una delegazione ecumenica dell'Etiopia ha fatto visita al governo ungherese per ringraziarlo di questo Programma. La delegazione era guidata dal card. Berhaneyesus Demerew Souraphiel, arcivescovo di Addis Abeba, con Samson Bekele Demissie, direttore generale della società per bambini e famiglie della Chiesa ortodossa etiope, e Girma Borishie Bati, vicepresidente del sinodo dell’Etiopia Centrale della Chiesa evangelica etiope. I tre leader religiosi sono stati ricevuti dal primo ministro ungherese, Viktor Orbán, e dal vice primo ministro Zsolt Semjén. Come riporta il sito dell'Ambasciata d'Ungheria presso la Santa Sede, "durante l’incontro ufficiale, la delegazione etiopica ha ribadito che le loro Chiese sono contro l’emigrazione e quindi, il loro scopo è quello di sostenere i giovani a restare nella loro patria". Il card. Souraphiel, sottolineando che la Chiesa etiope vuole servire il bene comune su ogni fronte della vita e vorrebbe che i giovani non fuggissero dal Paese a causa della povertà, ha inoltre ringraziato il governo ungherese per gli aiuti finanziari destinati ad un campo profughi che ospita un milione di persone e ad un ospedale per poveri in Etiopia.


Il crescente fondamentalismo

I tre esponenti delle chiese in Etiopia hanno tenuto una conferenza all’Università Cattolica “Pázmány Péter” a Budapest con la partecipazione del Segretario di Stato per l’Aiuto ai Cristiani Perseguitati, Tristan Azbej, responsabile del Programma Hungary Helps. Dal canto suo il card. Souraphiel ha posto l'accento sul problema del fondamentalismo islamico crescente, che mette a rischio la pace storica tra le religioni del Paese. Negli ultimi vent'anni - gli ha fatto eco Demissie - il numero dei musulmani è cresciuto da 14 milioni a 29 milioni e i fondamentalisti stanno prendendo sempre più terreno.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?

I vescovi africani ai giovani: "Basta emigrazione irregolare"

"Non credete a false promesse che portano alla schiavitù" e alla morte "nel Mediterraneo o nel deserto libico"

Migranti africani
Una preghiera a Dio affinché i giovani africani siano "più consapevoli dei pericoli dell'emigrazione...
NEWS
La parrocchia di don Jacques Hamel
ANNIVERSARIO

Saint-Étienne ricorda Padre Jacques Hamel

Il calendario delle iniziative per commemorare il sacerdote ucciso dai terroristi
Bruno Siciliano, docente della Federico II e alle spalle il robot RoDyMan

A Ravello prova di cyber-orchestra

Dal podio il robot RoDyMan dirige il concerto delle Conservatorio “Martucci”
Il presidente dimissionario dell'Anac, Raffaele Cantone
POTERE GIUDIZIARIO

Cantone lascia l'Anac

L'annuncio del Presidente in una lettera: "L'Autorità ha ricevuto riconoscimenti internazionali, ma è...
Il grattacielo della Regione Piemonte
INCHIESTA

Grattacielo Regione Piemonte: 10 indagati

Notificato l'avviso di chiusura indagini per l'inchiesta sulla nuova sede regionale
NERA

Calabria: duplice omicidio a Corigliano Rossano

Sul delitto indaga Eugenio Facciola, Procuratore di Castrovillari
Baby gang
MONZA E BRIANZA

Sgominata baby gang: rapinavano i compagni di scuola

Contesti familiari problematici, sui social si ritraevano con pistole e passamontagna
INDAGINE

Foggia: operazione "Madrepatria", un sindaco ai domiciliari

La pubblica accusa ipotizza gravi reati, tra questi la corruzione
Stress da caldo nelle piante
TROPICALIZZAZIONE

Coldiretti: "Troppo caldo, a rischio ortaggi e frutta"

"Oltre 14 miliardi di euro di costi in perdite e danni in un decennio"
La palazzina andata distrutta
PORTOFERRAIO

Esplode casa all'Isola d'Elba: 1 morto

Tre persone sono state estratte vive, ma ferite. Una donna è dispersa
Sostanze stupefacenti
SICILIA

Maxi operazione antidroga a Enna

Azzerata l'attività di spaccio in Piazza Armerina con decine di arresti