VENERDÌ 22 FEBBRAIO 2019, 11:43, IN TERRIS


PROTEZIONE DEI MINORI

Una risposta collegiale alla piaga degli abusi

Secondo giorno di lavori al Summit convocato da Papa Francesco

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Papa Francesco al Summit
Papa Francesco al Summit
S

i è aperto il secondo giorno del Summit sulla protezione dei minori nell'aula nuova del Sinodo. Anche questa mattina i lavori sono iniziati con un momento di preghiera presieduto da monsignor Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico di Gerusalemme dei Latini.


La testimonianza

Anche oggi è stata letta la testimonianza di una vittima di abusi, ascoltata in silenzio dai partecipanti del Summit. Uno dei passaggi più toccanti è stato questo: "Quando Gesù stava per morire, sua madre era con lui. Quando sono stato abusato da un sacerdote, la mia madre chiesa mi ha lasciato da solo. Quando ho avuto bisogno di qualcuno nella Chiesa per parlare dei miei abusi e della mia solitudine, tutti si sono nascosti e mi sono sentito ancora più solo non sapendo a chi rivolgermi". 


Le relazioni

La mattinata di lavori ha visto la lettura delle relazioni del Cardinale Oswald Gracias e del Cardinale Blase Cupich. Il porporato indiano ha incentrato il suo discorso sulla collegialità. "Dovremmo chiederci - ha detto - se un certo centralismo romano non tenga abbastanza conto della diversità nella fratellanza, se le nostre competenze e capacità come pastori responsabili delle chiese locali non siano usati in modo appropriato, con la conseguente sofferenza di una collegialità vissuta in modo pratico. Se vogliamo, e dobbiamo, rivitalizzare la nostra collegialità, allora abbiamo bisogno anche di un confronto tra la Curia Romana e le nostre Conferenze Episcopali". Un concetto rafforzato anche alla luce del rapporto che può a volte crearsi nelle relazioni tra Chiese nazionali e Stati: "Le complicazioni derivano quando vi sono relazioni antagoniste tra la Chiesa e lo stato o, ancor più drammaticamente, quando lo Stato perseguita o è pronto a perseguitare la Chiesa. Questo tipo di circostanze sottolinea l'importanza della collegialità. Solo in una rete di forti relazioni tra i vescovi e le Chiese locali che lavorano insieme, la Chiesa può navigare nelle acque turbolente del conflitto con lo Stato e, allo stesso tempo, affrontare in modo appropriato il crimine degli abusi sessuali. C'è un doppio bisogno che solo la collegialità può affrontare; la necessità di una saggezza condivisa e la necessità di un incoraggiamento di supporto".


Sinodalità

Il Cardinale Cupich ha chiesto alla Chiesa di vivere la sfida presentata dalla piaga degli abusi nell'ottica della sinodalità: "“E’ indispensabile considerare la sfida che abbiamo davanti alla luce della sinodalità, principalmente approfondendo con tutta la Chiesa gli aspetti strutturali, legali e istituzionali di dover rendere conto". E per sinodalità, l'Arcivescovo di Chicago intende la "partecipazione di tutti i battezzati a ogni livello attraverso un discernimento e una riforma che penetra in tutta la Chiesa”. La via d'uscita indicata dal porporato americano richiede di ancorare "tutti i nostri provvedimenti al dolore penetrante di coloro che sono stati abusati e delle famiglie che hanno sofferto con loro".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore
Il luogo dell'incidente sul lavoro
TAINO | VARESE

Precipita in fabbrica: morto figlio del titolare

Inail: nel 2019 + 3,5% di morti bianche rispetto allo stesso periodo dello scorso anno
Offerte di lavoro

Aiuti al Sud

Andranno in vigore dal primo maggio esoneri contributivi per le aziende che assumono a tempo indeterminato i...
Una scarpa abbandonata, una delle immagini simbolo del massacro
STRAGE DI PASQUA

Sri Lanka, chi sono le vittime del massacro

Britannici, statunitensi, indiani, cingalesi: 290 vite spezzate dalla follia del terrorismo