GIOVEDÌ 09 APRILE 2015, 005:44, IN TERRIS

UN SOLO DIO, UNA SOLA PREGHIERA

Cristiani, musulmani ed ebrei si ritroveranno a Bologna il 16 aprile per pregare insieme per la pace

DON MARCO MONDELCI
UN SOLO DIO, UNA SOLA PREGHIERA
UN SOLO DIO, UNA SOLA PREGHIERA
Il 16 aprile a Bologna grande appuntamento a tre voci: cristiani, musulmani ed ebrei pregheranno insieme per la pace e la giustizia, a seguito dei tanti fatti sanguinosi perpetrati in questi ultimi mesi in nome della fede. L'evento si terrà nel capoluogo emiliano presso la terrazza di Villa Revedin, scelta per l’analogia con l’iniziativa interreligiosa di papa Francesco quando invitò israeliani, palestinesi e il patriarca Bartolomeo lo scorso giugno nei giardini vaticani. Purtroppo non sarà per tutti perchè la Villa può contenere al massimo 150 persone, ha spiegato monsignor Stefano Ottani alla conferenza stampa di presentazione. Perciò si è deciso di consegnare 50 inviti per ognuna delle tre religioni. Tra i cristiani ci saranno i cattolici ma anche rappresentanze della comunità ortodossa e riformata, "segno dei rapporti più che positivi con queste comunità", sottolinea mons. Ottani, ricordando che la chiesa cattolica e quella riformata stanno già lavorando per la celebrazione comune dei 500 anni dalla Riforma, nel 2017. L'iniziativa nacque lo scorso ottobre, come riporta l'agenzia Dire, durante una udienza del cardinale Carlo Caffarra con la comunità islamica di Bologna, il suo coordinatore Yassine Lafram e condivisa con il rabbino Alberto Sermoneta, l'archimandita Dionisos Papabasileiou e il pastore Michel Charbonnier, anch'essi presenti il 16 aprile, insieme agli imam delle moschee cittadine.

All'incontro si vedrà quindi pregare, uno a fianco all'altro, i massimi rappresentanti delle tre grandi religioni monoteiste insieme a una rappresentanza dei rispettivi fedeli. L'evento era stato annunciato nelle scorse settimane, a seguito delle stragi in Francia, ma oggi si conoscono anche data e dettagli. A partire dalle 18, ognuna delle confessioni dirà una preghiera, chiederà perdono per i peccati e poi proporrà una invocazione per la pace, il tutto usando prevalentemente l’italiano, in modo da essere comprensi da tutti. I momenti saranno intervallati da mini concerti della Bologna Youth Chamber Orchestra, tranne che per quello islamico per cui è prevista la recita "cantilenata" di alcuni versetti del Corano. I 150 scenderanno infine nel giardino di Villa Revedin per piantare insieme un ulivo, simbolo di pace, accompagnati dal coro dei bambini della Parrocchia dei santi Bartolomeo e Gaetano.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'accusa nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Facebook
SOCIAL MEDIA E FISCO

Svolta Facebook: pagherà le tasse dove incassa

Il colosso di Menlo Park passerà a un sistema di vendite locali
Sergio Mattarella e Paolo Gentiloni (repertorio)
VERSO IL VOTO

Elezioni il 4 marzo, l'annuncio prima di Capodanno

Lo riporta il Corriere della Sera. Gentiloni l'antidoto di Mattarella allo "scenario spagnolo"