VENERDÌ 11 GENNAIO 2019, 09:51, IN TERRIS


VATICANO

Un Forum internazionale dei giovani nel solco del Sinodo

L'iniziativa è stata annunciata ieri dal Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita

NICO SPUNTONI
Papa Francesco con alcuni giovani
Papa Francesco con alcuni giovani
I

l Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita ha annunciato l'organizzazione di un "Forum giovani delegati delle Conferenze Episcopali e dei principali movimenti e comunità ecclesiali".


Il Forum

L'incontro, che si terrà dal 18 al 22 giugno 2019 a Roma, avrà come obiettivo quello di riflettere sulla ricezione delle linee guide emerse nell'ultimo Sinodo dei Vescovi. In particolare, i partecipanti si concentreranno sul Documento Finale. Altro fine dell'appuntamento, quello di realizzare uno degli auspici espressi nel testo finale: “che si rafforzi l’attività dell’Ufficio giovani del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita anche attraverso la costituzione di un organismo di rappresentanza dei giovani a livello internazionale".


Le linee di Papa Francesco

Nel comunicato che annuncia l'organizzazione del meeting, ci si augura il coinvolgimento diretto anche degli Uditori che hanno rappresentato i giovani all'Assemblea Generale dei Vescovi di ottobre scorso. Nella nota si legge: "Il Sinodo è stato un grande Kairòs e non possiamo perdere l’entusiasmo né lasciar passare il forte impulso che lo Spirito Santo sta infondendo nella Chiesa per mezzo dei giovani. Il Forum sarà uno spazio di discernimento comunitario, mantenendo lo stile sinodale missionario promosso dal Sinodo". L'iniziativa mira a concretizzare quanto richiesto da Papa Francesco nella Costituzione apostolica "Episcopalis Communio" che esorta a dare maggiore ascolto al "popolo di Dio" nelle decisioni. 


Documento Finale

Nel testo conclusivo dei lavori, viene ricordato come "i giovani sono parte integrante della Chiesa". La loro santità "in questi ultimi decenni ha prodotto una multiforme fioritura in tutte le parti del mondo: contemplare e meditare durante il Sinodo il coraggio di tanti giovani che hanno rinunciato alla loro vita pur di mantenersi fedeli al Vangelo è stato per noi commovente; ascoltare le testimonianze dei giovani presenti al Sinodo che nel mezzo di persecuzioni hanno scelto di condividere la passione del Signore Gesù è stato rigenerante".  L'auspicio è che, con la santità dei giovani, la Chiesa possa "rinnovare il suo ardore spirituale e il suo vigore apostolico".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dorothea Wierer
COPPA DEL MONDO

Biathlon, trionfo per Dorothea Wierer

L'altoatesina conquista la Coppa generale, è la prima in assoluto per l'Italia. Lisa Vittozzi (2a) completa il...
La Viking Sky in balia delle onde
NORVEGIA

La Viking Sky attracca a Molde

Incubo finito: tutti in salvo i 1300 passeggeri, 460 evacuati con gli elicotteri
Xi Jinping
LA VISITA

Xi a Palermo, un'eredità reciproca

Il presidente cinese vola nel Principato di Monaco dopo una giornata intensa in Sicilia: "Aumenteranno i turisti...
Il piatto finito
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pennette panna e gamberetti: giocare facile a tavola

Bastano pochi ingredienti per realizzare un piatto da consumare da soli o in famiglia
Rafi Eitan
ISRAELE

Addio a Rafi Eitan, catturò Eichmann

La leggenda del Mossad si è spenta a 92 anni. Pose fine alla latitanza dell'ex SS
Italia-Finlandia 2-0. L'esultanza degli Azzurri dopo la rete di Barella
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

La giovane Italia parte forte: Barella-Kean, Finlandia k.o.

Gli Azzurri s'impongono 2-0 alla Dacia Arena. Qualcosa da sistemare ma la strada è giusta. Esordio per Zaniolo