MERCOLEDÌ 13 SETTEMBRE 2017, 11:41, IN TERRIS

Udienza generale, il Papa: "La pace nasce dal sangue dei testimoni dell’amore e dei martiri"

In piazza San Pietro il Pontefice ricorda il suo viaggio in Colombia: "Ho incontrato un popolo gioioso che ha la speranza del futuro"

FABIO BERETTA
Udienza generale, il Papa:
Udienza generale, il Papa: "La pace nasce dal sangue dei testimoni dell’amore e dei martiri"
"La pace è fondata anche, e forse soprattutto, sul sangue di tanti testimoni dell’amore, della verità, della giustizia, e anche di martiri veri e propri, uccisi per la fede". All'udienza generale del mercoledì Papa Francesco ricorda le tappe del suo viaggio in Colombia, concluso domenica scorsa. Un viaggio durato poco meno di una settimana in piena continuità con i due Papi che prima di Bergoglio avevano visitato il Paese latinoamericano: Paolo VI nel 1968 e Giovanni Paolo II nel 1986. Il Pontefice ringrazia le autorità civili e religiosi e tutti quelli che hanno collaborato per la realizzazione di questo "grande dono". Poi un pensiero speciale al popolo colombiano, un popolo che Francesco definisce "gioioso", ferito dalla sofferenza della guerra, ma ricco di speranza per il futuro. E nel salutare i fedeli italiani accorsi in piazza San Pietro, il Santo Padre ricorda nella preghiera la città di Livorno, colpita nei giorni scorsi da una forte alluvione.

La speranza del futuro


Papa Francesco ricorda in particolar modo l'incontro con le migliaia di persone che affollavano le strade e le piazze delle città toccate dal viaggio papale: "Una cosa che mi ha colpito era la folla. Vedevo i papà e le mamme che alzavano i bambini affinché il Papa li benedicesse. Li mostravano con orgoglio - racconta il Pontefice che presenta sul volto un cerotto e lo zigomo gonfio, segni del piccolo incidente avvenuto sulla papamobile a Cartagena - Ho pensato: 'Un popolo capace di fare bambini e di farli vedere con orgoglio, quale simbolo di speranza, è un popolo che ha futuro. E mi è piaciuto tanto".

In cammino verso la pace


Nel ricordare poi il motto del viaggio, “Demos el primer paso”, cioè “Facciamo il primo passo”, riferito al processo di riconciliazione che la Colombia sta vivendo per uscire da mezzo secolo di guerra civile, Francesco spiega il motivo della sua visita: "Ho voluto benedire lo sforzo di quel popolo, confermarlo nella fede e nella speranza, e ricevere la sua testimonianza, che è una ricchezza per il mio ministero e per tutta la Chiesa". La Colombia, come la maggior parte dei Paesi latinoamericani, fa notare il Pontefice, "è un Paese in cui sono fortissime le radici cristiane". Un paradosso secondo Francesco, che rende "ancora più acuto il dolore per la tragedia della guerra", ma al tempo stesso "costituisce la garanzia della pace, il saldo fondamento della sua ricostruzione, la linfa della sua invincibile speranza". Poi aggiunge: "Il Maligno ha voluto dividere il popolo per distruggere l’opera di Dio, ma l’amore di Cristo è più forte del peccato e della morte".

In Colombia per portare la Croce di Cristo


"In questo viaggio - spiega ancora il Papa - ho portato la benedizione di Cristo e della Chiesa sul desiderio di vita e di pace che trabocca dal cuore di quella Nazione", un desiderio che lo stesso Bergoglio ha potuto vedere negli occhi "delle migliaia e migliaia di bambini, ragazzi e giovani che hanno riempito la piazza di Bogotá", "quella forza di vita che anche la natura stessa proclama con la sua esuberanza". "La Colombia è il secondo Paese al mondo per biodiversità", specifica poi a braccio.

Dal sangue dei martiri scaturisce la pace


Culmine del viaggio è stata la giornata dedicata al tema della riconciliazione, svolta a Villavicencio. Una giornata caratterizzata da una grande celebrazione eucaristica, con la beatificazione dei martiri Jesús Emilio Jaramillo Monsalve, vescovo, e Pedro María Ramírez Ramos, sacerdote, e da una speciale "Liturgia di Riconciliazione", "simbolicamente orientata verso il Cristo di Bocayá, senza braccia e senza gambe, mutilato come il suo popolo". Nel ricordare i due martiri, Francesco fa notare che "la pace è fondata anche, e forse soprattutto, sul sangue di tanti testimoni dell’amore, della verità, della giustizia, e anche di martiri veri e propri, uccisi per la fede". "Ascoltare le loro biografie è stato commovente fino alle lacrime - confida il Papa -: lacrime di dolore e di gioia insieme. Davanti alle loro reliquie e ai loro volti, il santo popolo fedele di Dio ha sentito forte la propria identità, con dolore, pensando alle tante, troppe vittime, e con gioia, per la misericordia di Dio".

Veri seguaci di Cristo


Ricorda poi l'incontro con i religiosi a Medellín, dove "la prospettiva è stata quella della vita cristiana come discepolato". E afferma: "Quando i cristiani si impegnano fino in fondo nel cammino di sequela di Gesù Cristo, diventano veramente sale, luce e lievito nel mondo, e i frutti si vedono abbondanti". "Uno di questi frutti - aggiunge - sono gli Hogares, le Case dove i bambini e i ragazzi feriti dalla vita possono trovare una nuova famiglia dove sono amati, accolti, protetti e accompagnati. E altri frutti, abbondanti come grappoli, sono le vocazioni alla vita sacerdotale e consacrata".

Toccare la carne del fratello ferito


Nell'ultima tappa, Cartagena, i discorsi del Papa erano incentrati "sulla promozione della persona umana e dei suoi diritti fondamentali". Bergoglio ricorda Pietro Claver e Maria Bernarda Bütler, santi che "hanno dato la vita per i più poveri ed emarginati", mostrando così "la via della vera rivoluzione, quella evangelica, non ideologica, che libera veramente le persone e le società dalle schiavitù di ieri e, purtroppo, anche di oggi". In questa prospettiva, spiega il Pontefice, "'fare il primo passo' significa avvicinarsi, chinarsi, toccare la carne del fratello ferito e abbandonato". Infine, affida la Colombia e "il suo amato popolo" alla Vergine di Chiquinquirá: "Con l’aiuto di Maria, ciascun colombiano possa fare ogni giorno il primo passo verso il fratello e la sorella, e così costruire insieme, giorno per giorno, la pace nell’amore, nella giustizia e nella verità".

La preghiera per Livorno


Infine, nel salutare i tanti pellegrini che affollano una piazza San Pietro baciata dal caldo sole di settembre, il pensiero di Papa Francesco vola alla città di Livorno: "Esprimo la mia spirituale vicinanza a quanti soffrono a causa dell’alluvione che ha colpito il territorio di Livorno. Preghiamo per i morti, i feriti, per i rispettivi familiari e per quanti sono nella prova".

Photo by L'Osservatore Romano
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS

I risultati di un lungo negoziato

Il ruolo del sindacato è quello di trattare in assoluta autonomia con tutti i Governi per cercare di portare a...
Agenti della polizia tedesca
GERMANIA | TERRORISMO

Pianificavano attentato al mercatino di Natale: 6 arresti

Per l'attacco i fermati intendevano utilizzare armi ed esplosivo
Il premier Gentiloni e la segretaria generale Cgil, Susanna Camusso
PENSIONI

La Cgil boccia la proposta del Governo

Gentiloni: "Misure rilevanti e sostenibili. Camusso critica: "Mobilitazione il 2 dicembre"
CASCINA

Proiettili al sindaco donna che combatte gli stupri

Bossoli accompagnati da una lettera in cui la Ceccardi viene accusata di razzismo
VIOLENZA SUI MINORI

Sposa a nove anni a Padova: la Procura smentisce

La terribile notizia diffusa da un quotidiano locale stamattina
Oguz Guven
TURCHIA

Il direttore di Cumhuriyet web condannato per terrorismo

Oguz Guven dovrà scontare 3 anni e 1 mese per un tweet sulla morte sospetta di un magistrato
Sciopero nazionale dei taxi
SCIOPERO NAZIONALE DEI TAXI

Salta la trattativa col ministero, auto bianche ferme in tutta Italia

I sindacati hanno definito "insufficiente" il decreto attuativo emesso dal governo dopo l'accordo dello scorso...
L'asteroide 1I/2017 U1 o Oumuamua
OGGETTI INTERSTELLARI

Ecco Oumuamua, l'asteroide alieno

Osservato il 17 ottobre, presenta una forma simile a un sigaro e viene da fuori il Sistema solare
Marte, il cratere Schiaparelli
ROMA | MOSTRA RED HOPE

I paesaggi di Marte diventano opere d'arte

Per la realizzazione di queste opere, l'artista ha utilizzato i telai dei laboratori artigianali di un villaggio indiano nei...
Vigili del fuoco in India
INDIA

Scoppia un incendio in fabbrica: almeno 10 morti

Nel 2013, scondo l'Ilo, su un totale di 402 milioni di lavoratori, ci sono stati oltre 40 mila incidenti mortali sui luoghi...
Putin e Assad
SOCHI

Putin vede Assad: "Terrorismo verso la sconfitta"

Il presidente russo: "Le operazioni si avviano a conclusione. Ora avanzi il processo politico"
Angela Merkel
GERMANIA

Merkel punta a nuove elezioni

Manca ancora l'accordo per il governo. La cancelliera non vuole un esecutivo di minoranza
Il videomessaggio del Pontefice
PAPA FRANCESCO

"I credenti promuovano la reciproca comprensione"

Videomessaggio alla popolazione del Bangladesh alla vigilia del viaggio apostolico
Alessandro Di Battista
LA DECISIONE

Di Battista lascia: "Ma resto nel M5s"

Uno dei maggiori leader pentastellati esce dai palazzi: "Voglio scrivere e girare il mondo". E i militanti già...