MERCOLEDÌ 10 GIUGNO 2015, 12:28, IN TERRIS

UDIENZA GENERALE: BERGOGLIO RIFLETTE SULL'IMPORTANZA DELLA FAMIGLIA PER I MALATI

Come Gesù che non si è mai sottratto alle cure dei sofferenti, così la Chiesa non deve perdersi in chiacchiere

HORTENSIA HONORATI
UDIENZA GENERALE: BERGOGLIO RIFLETTE SULL'IMPORTANZA DELLA FAMIGLIA PER I MALATI
UDIENZA GENERALE: BERGOGLIO RIFLETTE SULL'IMPORTANZA DELLA FAMIGLIA PER I MALATI
Pellegrini e fedeli hanno affollato piazza San Pietro questa mattina per il consueto appuntamento del mercoledì, durante il quale il Papa in occasione dell'Udienza Generale ha orientato la sua riflessone sul rapporto tra la famiglia e la malattia. Il Pontefice ha chiesto alla Chiesa di aiutare sempre i malati "senza perdersi in chiacchiere", con la stessa sollecitudine che ebbe Gesù per i sofferenti, e per evitare che le nuove generazioni crescano "anestetizzate", ha invitato i genitori ad educare i figli a confrontarsi con la realtà del dolore.

"Nell'ambito dei legami familiari, la malattia delle persone cui vogliamo bene è patita con un 'di più' di sofferenza e di angoscia. E' l'amore che ci fa sentire questo 'di più'. Tante volte per un padre e una madre, è più difficile sopportare il male di un figlio, di una figlia, che non il proprio. La famiglia, possiamo dire, è stata da sempre 'l'ospedale' più vicino".

A riguardo Bergoglio ha ricordato le pagine dei Vangeli in cui si può vedere come Gesù non si sia mai sottratto alla cura dei malati. "Non è mai passato oltre, non ha mai voltato la faccia da un'altra parte. E quando un padre o una madre, oppure anche semplicemente persone amiche gli portavano davanti un malato perché lo toccasse e lo guarisse, non metteva tempo in mezzo; la guarigione veniva prima della legge". Questo perché il desiderio del Signore è sempre quello di fare il bene ha sottolineato il Pontefice.

Questo è il medesimo compito della Chiesa oggi, non perdersi in chiacchiere ma aiutare i sofferenti. Oltre al piano pratico e materiale, il cristiano secondo Francesco non deve mai dimenticare di pregare per i malati, sia personalmente che in comunità, affinché chi è nella prova non rimanga solo. "Dobbiamo dire grazie al Signore - ha concluso il Santo Padre - per quelle belle esperienze di fraternità ecclesiale che aiutano le famiglie ad attraversare il difficile momento del dolore e della sofferenza. Questa vicinanza cristiana, da famiglia a famiglia, è un vero tesoro per la parrocchia; un tesoro di sapienza, che aiuta le famiglie nei momenti difficili e fa capire il Regno di Dio meglio di tanti discorsi! Sono carezze di Dio".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018