GIOVEDÌ 07 MAGGIO 2015, 003:30, IN TERRIS

TUNISIA: IL PELLEGRINAGGIO ALLA SINAGOGA DI GHRIBA A RISCHIO ATTENTATI

Il Governo di Tunisi ha assicurato enormi misure di sicurezza e spera nella ripresa del turismo

MILENA CASTIGLI
TUNISIA: IL PELLEGRINAGGIO ALLA SINAGOGA DI GHRIBA A RISCHIO ATTENTATI
TUNISIA: IL PELLEGRINAGGIO ALLA SINAGOGA DI GHRIBA A RISCHIO ATTENTATI
Inizia l’annuale pellegrinaggio ebraico alla sinagoga di Ghriba sull’isola di Djerba, in Tunisia, la costruzione di culto ebraico più antica dell’Africa. Secondo la tradizione, infatti, Ghriba è stata fondata nel 586 a.C. da ebrei che fuggivano la distruzione del tempio di Salomone ad opera dei babilonesi. Per l’evento, sono attesi migliaia di pellegrini da tutto il mondo, in particolare da Gran Bretagna, Francia e Italia.

Imponenti le misure di sicurezza messe in atto dal governo tunisino già colpito economicamente dal calo turistico avvenuto dopo l’attacco da parte di estremisti islamici al museo archeologico del Bardo, avvenuto il 18 marzo scorso e costato la vita a 24 persone. Il settore del turismo contribuisce al 7% del Pil nazionale.

Nel 2002 il pellegrinaggio degli ebrei a Ghriba è stato preso di mira da un attentato suicida di Al Qaeda, che ha causato 21 morti. Lo stesso Netanyahu ha messo in guardia i pellegrini dichiarando che vi sono “concrete minacce” di attacchi terroristi contro ebrei o israeliani in Tunisia. Ma il governo tunisino ha ribattuto che le minacce sono infondate e che Israele cerca di “danneggiare la reputazione” del Paese e ha schierato barriere e posti di blocco sulle strade verso l’isola e attorno al quartiere ebraico di Hara Kbira.

La Tunisia è stato inoltre il primo Paese – dopo le primavere arabe - a dotarsi di una nuova costituzione che garantisce cittadinanza piena a tutti i cittadini, ebrei, musulmani e cristiani, e prevede la difesa della libertà di coscienza, ossia la libertà di avere o non avere una religione e la libertà di cambiare religione. Il pellegrinaggio annuale alla sinagoga di Ghriba rappresenta la cartina tornasole del livello di sicurezza garantito ai non musulmani in un Paese, che si proclama laico, a larghissima maggioranza islamica (circa il 97%).
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...
Shopping natalizio per le vie di Milano
NATALE | COLDIRETTI

Il 39% degli italiani spenderà la tredicesima in regali

Ogni famiglia spenderà in media 528 euro tra cibo, viaggi e divertimento
Turista al Colosseo
MIBACT

Al via Passeggiate Fotografiche Romane

Dal 15 al 17 dicembre lungo 5 percorsi capitolini
Il sistema Kepler 90 e il nostro a confronto:
KEPLER

Scoperto il gemello del Sistema Solare

Formato da otto pianeti, dista 2.545 anni luce