SABATO 11 APRILE 2015, 15:00, IN TERRIS

TORINO: SICUREZZA AI MASSIMI LIVELLI PER L’OSTENSIONE DELLA SINDONE

Il sacro Sudario sarà mostrato ai fedeli presso il Duomo dal 19 aprile al 24 giugno prossimi

MILENA CASTIGLI
TORINO: SICUREZZA AI MASSIMI LIVELLI PER L’OSTENSIONE DELLA SINDONE
TORINO: SICUREZZA AI MASSIMI LIVELLI PER L’OSTENSIONE DELLA SINDONE
A partire dal 19 aprile prossimo, fino al 24 giugno di quest’anno, Torino sarà invasa da milioni di pellegrini per l’eccezionale ostensione della sacra Sindone. Il “sindon”, che in greco indica un “ampio tessuto di pregio”, è una lunga stoffa di lino sul quale è visibile l'immagine di un uomo che porta i segni della crocifissione; la tradizione cristiana da secoli identifica la sacra Sindone come il sudario che ha avvolto il corpo di Cristo nel sepolcro nei tre giorni precedenti la sua resurrezione.

La tela è custodita nel Duomo di Torino dal 1578, vale a dire da quando il Duca Emanuele Filiberto di Savoia – al tempo, il legittimo proprietario - spostò la capitale sabauda dalla città francese Chambéry al capoluogo piemontese. La Sindone divenne proprietà della Chiesa Cattolica solo nel 1983 in seguito alla morte dell’ultimo Re d’Italia, Umberto II, che nel suo testamento espresse la volontà di lasciare il sacro lino in eredità a Papa Giovanni Paolo II. Durante l’ostensione del 2010 - iniziata il 10 aprile e terminata il 23 maggio – hanno visitato il Duomo torinese oltre 1 milione e 700 mila pellegrini

In attesa dell’ondata di turisti e fedeli che si riverseranno nella città sabauda dal prossimo 19 aprile, questa mattina si è riunito in Questura il Comitato per l'ordine cittadino per approntare il maxi dispositivo di sicurezza che verrà allestito intorno al Duomo. Durante tutta la durata dell'ostensione, cinquecento agenti al giorno vigileranno sui pellegrini in visita al sacro velo; verranno inoltre istallati, su tutte e otto le porte di accesso al Duomo, dei metal detector e i tunnel radiogeni per il controllo accurato di zaini e bagagli.

Dopo i tragici fatti accaduti al Tribunale di Milano, ha illustrato alla stampa il Prefetto di Torino, Paola Basilone, era necessario dare una risposta decisa alle preoccupazioni e all'allarmismo. “Nulla - ha spiegato - sarà lasciato al caso. La macchina organizzativa è frutto di un lavoro sinergico, a cui hanno partecipato le varie componenti istituzionali. Nonostante il clima generale, ci aspettiamo che tutto avvenga nel migliore dei modi e che l'evento si svolga con serenità”.

“La sorveglianza - ha aggiunto il questore di Torino, Salvatore Longo - inizierà quando i pellegrini scenderanno dai pullman, in corso San Maurizio, fino alla fine del programma. Tutti gli oggetti che non potranno portare con loro, gli stessi vietati in aeroporto, saranno messi da parte e riconsegnati all'uscita”. Ai visitatori che si recheranno nella città sabauda per l'Ostensione, le forze di sicurezza chiedono la massima collaborazione: “I pellegrini si sentiranno sicuri perché vedranno attorno a loro tante forze dell'ordine - ha aggiunto il Comandante provinciale dei Carabinieri, Arturo Guarino - li invitiamo comunque a portare pochi oggetti negli zaini”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia
Il Muro del Pianto
GERUSALEMME

La Casa Bianca: "Il Muro del Pianto è parte di Israele"

Fonti dell'amministrazione: "Impensabile uno scenario diverso". Scontri e morti nella regione