VENERDÌ 25 GENNAIO 2019, 11:15, IN TERRIS


GIORNO DELLA MEMORIA

Si cercano nel Danubio i resti delle vittime della Shoah

L'operazione nasce dalla collaborazione tra il governo israeliano e quello ungherese. A lavoro i volontari di Zaka

NICO SPUNTONI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il team a lavoro sulle rive del Danubio
Il team a lavoro sulle rive del Danubio
N

on si può dimenticare chi è morto per la follia di un'ideologia disumana e criminale. In vista del Giorno della Memoria in cui verrà ricordata l'immane tragedia dell'Olocausto, il governo israeliano ha annunciato l'avvio dell’operazione di recupero nel Danubio dei resti di quegli ebrei ungheresi che furono uccisi dagli uomini del movimento filonazista delle Croci Frecciate. 


L'operazione

Le ricerche nel fiume saranno effettuate dai volontari di Zaka, l'organizzazione di soccorso israeliana. La missione è stata annunciata dal ministro dell'Interno, Arye Deri. "Se le ossa saranno trovate - ha detto l'esponente del governo - avranno una sepoltura ebraica". 


L'aiuto del governo ungherese

All'operazione ha dato il suo consenso l'esecutivo di Budapest, con il ministro dell'Interno Sandor Pinter che ha dato il via libera alla fornitura di mezzi speciali per poter aiutare il team di sommozzatori di Zaka nelle ricerche. Il fondatore dell'organizzazione di soccorso,Yehudah Meshi Zahav ha definito la missione come "l'ultimo atto di bontà che possiamo fare per questi martiri che sono stati uccisi nella santificazione del nome di Dio". L'annuncio è stato dato durante la visita ufficiale del ministro Deri a Budapest, dove si è anche recato nel Centro Memoriale dell'Olocausto


I volontari

A febbraio dovrebbe aumentare il numero di sommozzatori israeliani impegnati nelle ricerche e nell'eventuale recupero nel Danubio. Alla Reuters uno dei volontari ha spiegato: "Per noi è molto importante il rispetto per le persone che sono morte, anche dopo 70 o anni, e facciamo il meglio che possiamo per trovarne il maggior numero possibile". 


I precedenti

Già nel 2011 erano state trovate delle ossa nel Danubio. A seguito di un test del Dna effettuato da un giovane antropologo quattro anni più tardi, era emerso che probabilmente quei resti appartenevano a ebrei ungheresi uccisi dalle milizie filonaziste delle Croci Frecciate sulle rive del fiume. Nel 2016 un centinaio di ossa ritrovate nel Danubio avevano trovato una degna sepoltura nel cimitero ebraico della capitale ungherese, grazie all'iniziativa della Comunità ebraica cittadina. 

 

 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Inquinamento in una città italiana
DATI EUROPEI

Rapporto choc: l'Italia primo Paese dove si muore per inquinamento

Tassi altissimi al nord. Torino più inquinata di Parigi
San Giovanni Paolo II abbraccia un bambino
INAUGURAZIONE

In Spagna la famiglia secondo Karol Wojtyla

Aperta la nuova sezione del Pontificio Istituto teologico Giovanni Paolo II a Madrid
16 ottobre 1943: il rastrellamento del ghetto di Roma
ANTISEMITISMO

Shoah, Raggi: "Roma non dimentica"

Oggi si commemora il rastrellamento del Ghetto avvenuto il 16 ottobre 1943
Ordinazione sacerdotale in Vaticano
LATINA-TERRACINA-SEZZE-PRIVERNO

Una lampada itinerante per le vocazioni

L'icona di una Madonna con il Bambino della famiglia di santa Maria Goretti accompagna il pellegrinaggio
Bus incidentato (immagine di repertorio)
VIA CASSIA

Bus si schianta contro un albero: 10 feriti

Il mezzo è finito fuori strada, ancora ignote le cause dell'incidente
La nave Ocean Viking in porto
PUGLIA

Ocean Viking: sbaracati a Taranto 176 migranti

Mons. Santoro: "Oggi fortunatamente possiamo parlare di vita e non di morte"
Chiara Lubich
FRASCATI

Chiara Lubich: si chiude la fase diocesana di beatificazione

Lo studio degli atti proseguirà presso la Congregazione delle cause dei santi
Spaccio
NUOVE MISURE ANTI-TRAFFICANTI

Giro di vite del Viminale contro la droga

Il Ministero dell’Interno chiede ai prefetti più vigilanza sulle piazze di spaccio
Liechtenstein-Italia 0-5. Bernardeschi festeggiato dai compagni dopo la rete del vantaggio - Foto © Twitter
QUALIFICAZIONI EURO 2020

Italia, pokerissimo al Liechtenstein e filotto da record

Mancini come Pozzo: nove successi di fila. A Vaduz è 5-0: doppietta di Belotti, a segno Bernardeschi, ElSha e Romagnoli
La corona di fiori gettata in acqua da Paa Francesco
MIGRANTI

Naufragio a Lampedusa, localizzati dodici corpi

Il barchino affondato la scorsa settimana è a 60 metri di profondità. Tra i corpi, anche un bimbo abbracciato alla...
Alcuni dei gesti più emblematici nella storia recente dello sport. In basso, lo stadio di Pyongyang vuoto
CASI STORICI

Sport e politica, un binomio complicato

Dal saluto militare turco alle proteste olimpiche, fino al match fantasma tra le Coree: gesti clamorosi che, nel bene o nel male,...
Don Oreste Benzi
FEDE

Don Benzi sulla strada della beatificazione

Si è chiuso il processo diocesano sul sacerdote Servo di Dio. La gioia della Comunità Papa Giovanni XXIII:...