MARTEDÌ 23 MAGGIO 2017, 13:00, IN TERRIS

Seul chiede aiuto al Papa per la riconciliazione e la pace nella penisola coreana

Nel frattempo, nuove tensioni si sono registrate sulla penisola coreana. Infatti, la Corea del Sud ha sparato dei "colpi di avvertimento" lungo il confine con il Nord, in seguito all'arrivo "di un oggetto non meglio identificato"

AUTORE OSPITE
Seul chiede aiuto al Papa per la riconciliazione e la pace nella penisola coreana
Seul chiede aiuto al Papa per la riconciliazione e la pace nella penisola coreana
Dopo il ruolo svolto nel disgelo tra Usa e Cuba, ancora una volta a Papa Francesco viene chiesto di essere mediatore per portare la pace tra due Stati. Questa volta a chiedere il suo intervento e aiuto è la Corea del Sud.

Un "inviato speciale" in Vaticano


A vestire i panni dell'inviato speciale in Vaticano, è l'arcivescovo Kim Hee Joong, capo dell'associazione dei vescovi di Seul. A lui, il neo eletto presidente sud coreano Moon Jae-in ha affidato una lettera da consegnare al Papa. Secondo le prime indiscrezioni riportate dal quotidiano JoongAng Ilbo, nella sua lettera Moon chiedeva aiuto al Pontefice nell'organizzazione di un vertice con la Corea del Nord. Notizia prontamente smentita dall'ufficio della Presidenza di Seul. "L'Arcivescovo Kim è previsto consegni una lettera personale del presidente al Papa. Ad ogni modo, la lettera non contiene la richiesta al Papa di mediare un summit tra Nord e Sud - ha affermato il portavoce Park Soo-hyun in un comunicato -. Il presidente ha invece soltanto chiesto al Pontefice di pregare per la pace e la riconciliazione tra le due Coree". L'arcivescovo Kim dovrebbe incontrare Papa Francesco tra oggi e domani come "inviato speciale" di Moon che, tra l'altro è il secondo inquilino della Blue House - residenza ufficiale della Presidenza sudcoreana - ad essere di fede cattolica dopo Kim Dae-jung, avendo anche il nome di battesimo di "Timothy".

Nuova tensione tra le due Coree


Nel frattempo, nuove tensioni si sono registrate sulla penisola coreana. Infatti, la Corea del Sud ha sparato dei "colpi di avvertimento" lungo il confine con il Nord, in seguito all'arrivo "di un oggetto non meglio identificato". A riferirlo è l'agenzia Yonhap, che ha citato i militari di Seul. Gli spari partiti dal versante sud del confine, sarebbero stati la risposta al lancio di un "proiettile" dalla parte nord. I militari di Seul, secondo quanto dichiarato da una fonte militare, hanno sparato "non meno di 90 colpi". Secondo quanto riportato dal sito di lingua inglese Korea Herald, i militari hanno intercettato l'oggetto mentre attraversava la linea di demarcazione a sud della provincia di Gangwon, intorno alle quattro del pomeriggio, ora locale.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Alessandro Di Battista
LA DECISIONE

Di Battista lascia: "Ma resto nel M5s"

Uno dei maggiori leader pentastellati esce dai palazzi: "Voglio scrivere e girare il mondo". E i militanti già...
Alessio Cerci in azione
SERIE A

Okwonkwo-Donsah rimontano il Verona: il Bologna respira

Il monday-night va ai felsinei: scaligeri avanti due volte ma rimontati e superati. E' il quinto k.o. di fila
Sede dell'Ema
UNIONE EUROPEA

Milano beffata: l'Ema va ad Amsterdam

Pari al ballottaggio. La capitale olandese prevale nel sorteggio. L'Eba a Parigi
Cateno De Luca
SICILIA

Domiciliari revocati a Cateno De Luca

Per il deputato regionale resta il divieto a ricoprire ruoli apicali negli enti coinvolti nell'inchiesta
L'Ara San Juan (repertorio)
SOMMERGIBILE DISPERSO

Possibili segnali dall'Ara San Juan

La Marina argentina avrebbe percepito un rumore proveniente dallo scafo del sottomarino
Angela Merkel
GERMANIA|CRISI POLITICA

L'ultra-destra: "Merkel se ne vada"

Saltata la trattativa con i liberali. Fallisce il sogno del governo "Giamaica"