MARTEDÌ 07 LUGLIO 2015, 10:50, IN TERRIS

RIFORME E RUOLO DELLA CHIESA NEL COLLOQUIO TRA IL SANTO PADRE E CORREA

Il Pontefice si è affacciato alla finestra con il presidente dell'Ecuador, nonostante le raccomandazioni di vescovi e opposizioni

AUTORE OSPITE
RIFORME E RUOLO DELLA CHIESA NEL COLLOQUIO TRA IL SANTO PADRE E CORREA
RIFORME E RUOLO DELLA CHIESA NEL COLLOQUIO TRA IL SANTO PADRE E CORREA
Alla fine si è affacciato alla finestra, per ben due volte. L'opposizione e alcuni vescovi si erano augurati che Francesco non si mostrasse ai cittadini dell'Ecuador al fianco del presidente Rafael Correa ma il Papa non si è curato di eventuali malumori. Il colloquio con Correa è durato 40 minuti circa ed ha toccato diversi argomenti: la difficile situazione nel Paese, dove proteste di piazza tentano di bloccare le riforme sociali, e le attese della Chiesa che chiede il riconoscimento del suo ruolo al servizio del popolo e il rispetto, non solo a parole, dei valori della vita e della famiglia. L'incontro, il quinto fra i due leader dopo i 3 di Roma e quello breve all'aerostazione di Quito, si è svolto nel Palazzo Presidenziale "Carondelet".

Bergoglio ha assicurato a Correa che "potrà contare sempre sull'impegno e la collaborazione della Chiesa, che vuole servire il popolo ecuadoriano e difenderne la dignità". Papa Francesco infatti, anche se la Chiesa locale sembra divisa nella valutazione dell'operato del Governo, riconosce al presidente Correa di aver compiuto "passi avanti in progresso e sviluppo", ma chiede un ulteriore sforzo affinché i risultati che "si stanno ottenendo garantiscano un futuro migliore per tutti, riservando una speciale attenzione ai nostri fratelli più fragili e alle minoranze più vulnerabili che sono un debito che ancora ha l'America Latina". "Sono vicino all'Ecuador, resti in piedi con dignità", ha detto ieri sera Francesco dopo lo scambio dei saluti con il presidente all'aeroporto, alludendo implicitamente ai rischi di questo momento.

L'intento dell'opposizione è quello di utilizzare il malcontento suscitato nel ceto medio dalle proposte di legge sulla proprietà privata con le quali si vorrebbero finanziare il salario sociale e cure mediche per tutti (prospettiva contro la quale sono insorti i medici che ritengono insufficienti le tariffe fissate per le loro prestazioni e hanno deciso di appendere per protesta i camici fuori dai loro ambulatori). "Non perdete mai - ha chiesto il Papa agli ecuadoregni - la capacità di rendere grazie a Dio per quello che ha fatto e fa per voi; la capacità di difendere il piccolo e il semplice, di aver cura dei vostri bambini e anziani, di avere fiducia nella gioventù, e di provare meraviglia per la nobiltà della vostra gente e la bellezza singolare del vostro Paese".

Secondo Francesco, l'Ecuador deve "trovare nel Vangelo le chiavi che permettono di affrontare le sfide attuali, apprezzando le differenze, promuovendo il dialogo e la partecipazione senza esclusioni". Le riforme sociali dovrebbero restringere la forbice che in Ecuador ancora divide il 2 per cento della popolazione (gli eredi dei latifondisti, oggi proprietari di aziende) dal 20 per cento dei cittadini che sono in condizione di povertà e che appena 5 anni fa, però, erano il 40 per cento.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"