GIOVEDÌ 18 MAGGIO 2017, 10:42, IN TERRIS

Rep. Centrafricana: 1000 musulmani ospitati in seminario contro la furia dei miliziani

Gli anti-balaka sono milizie cristiane formatesi dopo l'ascesa al potere di Djotodia

MILENA CASTIGLI
Rep. Centrafricana: 1000 musulmani ospitati in seminario contro la furia dei miliziani
Rep. Centrafricana: 1000 musulmani ospitati in seminario contro la furia dei miliziani
Sono 26 i morti nell’attacco a Bangassou, nel sud-est della Repubblica Centrafricana, da parte di un centinaio di anti Balaka, secondo un bilancio presentato dall’Onu. Secondo la Croce Rossa centrafricana il bilancio potrebbe essere più alto, di almeno 150 morti.

L'attacco a Tokoyo


Gli anti balaka hanno assalito Tokoyo, il quartiere a maggioranza musulmana della città. Nelle ultime settimane, alcune centinaia di ribelli hanno costretto alla fuga moltissimi cittadini: mille persone sono state costrette a rifugiarsi nella moschea, altre 1.500 nella chiesa e 500 nel vicino ospedale. In aggiunta, 3.000 abitanti della città si sono rifugiati nella confinante Repubblica Democratica del Congo.

Ucciso l'Imam


Durante l’evacuazione della moschea, sono stati sparati dei colpi d’armi da fuoco che hanno colpito e ucciso l’Imam, che si trovava accanto a Mons. Aguirre. Grazie all’intervento dei “Caschi Blu” portoghesi della Missione Onu in Centrafrica (Minusca), gli sfollati hanno potuto lasciare la moschea per essere trasferiti nella cattedrale e nel seminario locali.

Gli anti-bakaka


I gruppi armati responsabili delle violenze che nelle ultime settimane hanno colpito alcune aree del Paese, provocando centinaia di morti, “sono gruppi non ben identificati, assimilabili agli anti-balaka, che spesso prendono di mira i soldati Onu” riferiscono le fonti. L'esercito centrafricano (Faca) ha da poco terminato la formazione, "ma resta senza armi e non è in grado di ristabilire l’ordine” concludono le fonti riportate dall'agenzia Fides.

Gli anti-balaka sono milizie cristiane formatesi nella Repubblica Centrafricana dopo l'ascesa al potere di Michel Djotodia nel 2013. Amnesty International riporta diversi massacri da loro commessi contro civili musulmani, costringendo migliaia di loro a lasciare il paese.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs
New York, il capolinea attaccato
ATTACCO A NEW YORK

Arriva la condanna del Bangladesh

Dacca: "Tolleranza zero con i terroristi". Ullah era giunto negli Usa nel 2011