VENERDÌ 15 GIUGNO 2018, 14:40, IN TERRIS


VATICANO

Ramonda in udienza dal Papa per i 50 anni dell'Apg23

Case famiglia, missioni di pace all'estero e sfruttamento delle donne i temi affrontati

REDAZIONE
Giovanni Paolo Ramonda in udienza da Papa Francesco
Giovanni Paolo Ramonda in udienza da Papa Francesco
Q

uesta mattina Giovanni Paolo Ramonda, Presidente della Comunità Papa Giovanni XXIII (Apg23), è stato ricevuto da Papa Francesco in udienza privata in occasione dei 50 anni dell'associazione fondata da don Oreste Benzi. Egli, successore del prete dalla tonaca lisa alla guida della Apg23, ha partecipato con i membri della sua casa famiglia, formata insieme alla moglie Tiziana da dieci persone. "E' stato un incontro memorabile. Abbiamo portato al Papa l'impegno di tanti laici che spendono la loro vita al fianco della povera gente in 42 Paesi del mondo, seguendo il carisma di don Benzi. - commenta Ramonda - Al Santo Padre sono stati donati il libro-testamento di don Oreste 'Con questa tonaca lisa', 'Il diario di Sandra', la giovane riminese proclamata venerabile appena tre mesi fa e 'Pane Quotidiano', il messalino con i commenti al Vangelo di don Benzi".

All'incontro hanno partecipato anche Gianpiero Cofano, segretario della Comunità, e Alberto Capannini, il quale ha portato la testimonianza dei giovani volontari della Comunità di don Benzi, che condividono la loro vita nei campi profughi siriani al confine nord del Libano. Da questa esperienza di condivisione diretta è nata una proposta di pace scritta insieme ai siriani scappati dalla guerra. Alcune famiglie che vivevano nel campo profughi sono giunte in Italia tramite i corridoi umanitari, accompagnate dai giovani volontari della Giovanni XXIII che si sono occupati della loro accoglienza ed integrazione. Stamane nell’omelia della Messa a Casa Santa Marta, il Santo Padre riflettendo sul Vangelo odierno di Matteo ha affermato che “sfruttare le donne è peccato contro Dio”. "Il Papa ancora una volta ci ha dimostrato di avere a cuore la sorte di tante giovani donne e ci ha spronato ad andare avanti nella battaglia iniziata da don Benzi per la liberazione di queste nostre sorelle", conclude Ramonda. La Comunità Papa Giovanni XXIII, fondata nel 1968 da don Oreste Benzi, opera nel vasto mondo dell'emarginazione in 42 Paesi del mondo nei 5 continenti. In Italia sono presenti 201 case famiglia, che accolgono 1.283 persone di tutte le età e di tutte le provenienze. Altre 50 sono le case famiglia nate all’estero. In questi anni la Giovanni XXIII ha liberato dalla strada e accolto oltre 7.000 ragazze vittime del racket della prostituzione.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pagamento bollo auto, 12 persone sanzionate
NAPOLI

Furbetti del bollo auto: sanzionati 12 automobilisti

Pagheranno il triplo del beneficio di cui hanno fruito illecitamente
Marcia per la Vita a Parigi
PARIGI

Migliaia di persone in marcia contro l'aborto

In Francia 200mila interruzioni di gravidanza l'anno. I manifestanti chiedono interventi anche contro la fecondazione...
Kirko Arguello riceve la cittadinanza onoraria a Porto San Giorgio
IL RICONOSCIMENTO

Kiko Arguello cittadino onorario di Porto San Giorgio

Dagli anni '80 sorge nella città marchigiana il Centro Internazionale del Cammino Neocatecumenale
Povertà in Italia
RAPPORTO OXFAM

Disuguaglianza economica nel mondo in crescita

Le fortune dei super-ricchi sono aumentate del 12% lo scorso anno
Migranti
SALVATAGGIO

Oltre 300 migranti in Libia

Ci sono anche i 100 che si trovavano su un barcone in avaria al largo di Misurata
Madre e figlia
LISIERA DI BOLZANO VICENTINO

Gettata a terra dalla madre: muore neonata

La donna ha poi tentato il suicidio ferendosi alla gola con un coltello